Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ritorna il Motorsannio-Metzeler a Montalto Uffugo


Ritorna il Motorsannio-Metzeler a Montalto Uffugo
05/05/2011, 17:05

Ritornano in pista i piloti del “Trofeo Motorsannio-Metzeler”, e lo faranno questo fine settimana in terra calabra, sul “Circuito Cittadella Racing” di Montalto Uffugo. Nell’impianto alle porte di Cosenza fervono i preparativi ed è grande l’attesa per lo spettacolo di un trofeo che sembra aver ritrovato la sua dimensione. Il patron dell’organizzazione Enzo Gnerre, meglio conosciuto come la Volpe del Sannio, spiega i motivi del rilancio: “In - dice la Volpe – un momento di crisi, è sempre più difficile avere piloti schierati in griglia di partenza. Da parte nostra c’è stata un’opera di contenimento dei costi, che non è andata però a scapito della sicurezza di chi corre in pista. L’idea delle gomme uguali per tutti nelle classi della Supermoto, sotto questo punto di vista è centrata. Mi sorprende e sono contento nel vedere tanti ragazzi divertirsi e sfidarsi in sella a delle Pit Bike. Lo trovo un modo intelligente di avvicinarsi alle gare perché in grado di abbinare l’adrenalina della piega in pista con le esigenze del portafogli”. Enzo Gnerre oltre ad organizzare da dodici anni il trofeo, è anche un pilota che indossa tuta e casco ed entra in pista con lo spirito di un guerriero: “Per anni – racconta – sono stato l’uomo da battere. Purtroppo le primavere alle spalle sono salite a cinquanta, ed è sempre più difficile competere con i più giovani. Piloti come Gennaro Lettini, Pietro Cafiero, Marco Guerra e Carmine Matarazzo oggi sembrano avere una marcia in più. Sono contento che un ragazzo veloce come Carlo Di Feo, soprannominato per la sua irruenza Cavallo Pazzo, sia di nuovo nel nostro ambiente. Andremo in Calabria per trascorrere un fine settimana di gare, dove sono convinto ci divertiremo sia in pista nell’aprire il gas, sia nel paddock nel raccontarci le storie più strane della nostra vita. Per me il motociclismo è sì una sfida con il cronometro, ma anche un bellissimo momento d’aggregazione e socializzazione”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©