Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Rivera: "Non c'è più tanta passione nel calcio"


Rivera: 'Non c'è più tanta passione nel calcio'
17/03/2011, 15:03

A Radio Crc è intervenuto Gianni Rivera:
“Il Mondiale del ’70 in Messico contro il Brasile di Pelè è una vittoria che è mancata all’Italia di questi 150 anni. Speravamo di vincere anche perché avevamo già vinto contro Pelè ma il Brasile non era affatto una squadra debole. Ancora oggi allo stadio Azteca c’è una targa che ricorda quella partita. È necessario cambiare qualcosa in questo calcio. Il calcio negli anni è cambiato come è cambiata la società moderna che sta diventando sempre più materialista. C’è più attenzione verso il denaro che verso le passioni. La ricerca sfrenata di ricchezza finanziaria può creare dei danni seri, è colpa anche della politica che non è capace più di muoversi per l’interesse generale. La proposta dell’under 21 di serie B sembra non aver raccolto tanti consensi. Il problema del calcio giovanile è che le società puntano solo a vincere. Si scelgono giovani forti fisicamente, e non quelli tecnicamente validi”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©