Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Roma-Napoli, la partita alla lavagna


Roma-Napoli, la partita alla lavagna
28/04/2012, 06:04

Sfida che può valere l'Europa che conta all'Olimpico: il Napoli, reduce da due vittorie consecutive vuole approfittare dello scontro diretto tra Lazio ed Udinese per recuperare altro terreno nella corsa champions, la Roma invece, due turni senza vittorie, deve assolutamente tornare far punti per non uscire fuori dalla zona Europa.
Uomini contati per Luis Enrique che dovrà rinunciare agli squalificati Lamela, Osvaldo e De Rossi ed all'infortunato Stekelenburg. Viste le tante assenze, l'allenatore spagonolo dovrebbe optare per un 4-3-1-2 con coppia d'attacco Borini-Totti, panchina per Bojan, con Pjanic alle loro spalle nel ruolo di trequartista. I movimenti tra le linee del serbo potrebbero essere un problema per il terzetto di difesa azzurro che avrà bisogno del supporto dei centrocampisti in fase di copertura. Gargano ed Inler a Lecce hanno disputato un ottima partita dimostrando di essere una coppia ben assortita. Il gioco dei giallorossi, molto offensivo e spregiudicato, si basa soprattutto sul possesso palla e sulla velocità, soprattutto quella dei suoi esterni di difesa che spingono molto. Josè Angel a sinistra e Taddei a destra, entrambi più bravi ad offendere a difendere, spesso lasciano dei varchi che potrebbero risultare decisivi nelle azioni offensive del Napoli. Una difesa spesso incline all'errore, la voglia di attaccare sempre, la necessità dei giallorossi di dover tornare a vincere e le tante assenze, potrebbero favoriare molto un Napoli che sembra tornato compatto e cinico come quello di un tempo.
Molto probabilmente, nonostante sia clinicamente recuperato, Mazzarri dovrebbe decidere di non schierare Lavezzi dal primo minuto e di confermare la squadra vittoriosa contro il Lecce. Anche Pandev, al ritorno dopo la squalifica, dovrebbe andare in panchina. Il centrocampo a cinque dovrebbe garantire la giusta copertura agli azzurri: Dzemaili sarà l'uomo deputato alle ripartenze, spetterà a lui una volta recuperata palla, far partire Cavani ed Hamsik. Fondamentali saranno gli esterni: Maggio e Zuniga dovranno essere bravi nel fare la doppia fase: coprire sulle avanzate dei giallorossi, sostenere l'azione offensiva sfruttando gli spazi concessi da Taddei e Josè Angel. L'inserimento del Pocho a partita iniziata, in caso di difficoltà nello sbloccare la partita, potrebbe risultare decisivo per girare il match a favore degli azzurri.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©