Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Rubgy, Italia: Brunel è il nuovo ct


Rubgy, Italia: Brunel è il nuovo ct
03/05/2011, 15:05

Adesso è ufficiale. La federugby informa di aver raggiunto l'accordo con Jacques Brunel, che assumerà il ruolo di c.t. della Nazionale al termine del mondiale in Nuova Zelanda, in programma dal 9 settembre al 23 ottobre. L’accordo siglato tra Jacques Brunel e la Fir avrà durata quadriennale e porterà il tecnico francese, proveniente dal club transalpino del Perpignan, alla guida dell'Italia dal 2012 fino a i Mondiali in Inghilterra nel 2015.

SUPERVISORE — Brunel, 57 anni, succederà a Nick Mallett, a cui il 23 aprile scorso era stata comunicata la non prosecuzione del rapporto al termine della rassegna iridata del prossimo autunno. Tra i compiti affidati al c.t., unitamente alla gestione della Nazionale, c'è anche la supervisione di tutta la struttura agonistica federale, a partire dalle due franchigie di Celtic League sino all’individuazione dei migliori talenti giovanili da sviluppare presso le accademie federali.

SODDISFATTO — Il presidente federale Giancarlo Dondi è felice della scelta: "Siamo soddisfatti di aver raggiunto un accordo con un tecnico del valore di Brunel, un allenatore che ha ottenuto grandi risultati sia come responsabile degli avanti della nazionale francese che alla guida del Perpignan. Crediamo fortemente nelle sue capacità professionali e umane e insieme a lui vogliamo lavorare per continuare a sviluppare il rugby italiano". Quanto alle critiche piovute sulla federazione circa la tempistica dell'avvicendamento, con il Mondiale ancora da disputare, Dondi ha spiegato: "Abbiamo deciso di ufficializzare il suo ingaggio con sei mesi di anticipo per dare un segnale di chiarezza a tutto l’ambiente. Ringrazio di cuore Nick Mallett per il grande lavoro svolto e siamo sicuri che continuerà a dedicarsi con la massima professionalità, anche nei prossimi sei mesi, al proprio incarico di c.t.”.

ENTUSIASTA — “Ringrazio il presidente Dondi per questa straordinaria possibilità che mi è stata offerta – ha detto Jacques Brunel – e aspetto con entusiasmo l’inizio del mio nuovo incarico. L’Italia oggi è una grande nazione del rugby, da oltre dieci anni gioca nel 6 Nazioni e con la partecipazione alla Celtic League può continuare a compiere importanti passi in avanti.

Fonte: Gazzettadellosport.it

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©