Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Rugby: Italia batte Scozia 13-6


Rugby: Italia batte Scozia 13-6
17/03/2012, 16:03

Missione compiuta, l'Italrugby batte la Scozia e evita il cucchiaio di legno. Gli azzurri chiudono il 6 Nazioni imponendosi per 13-6 allo stadio Olimpico di Roma nell'ultima giornata del torneo. La Nazionale del ct Brunel, spinta da oltre 70.000 spettatori, conquista il primo successo dopo le 4 sconfitte collezionate contro Francia, Inghilterra, Irlanda e Galles. Il primo successo nella gestione del tecnico francese consente alla selezione di evitare l'ultimo posto in classifica: il cucchiaio di legno, il 'riconoscimento' destinato al fanalino di coda, va proprio alla Scozia. Il XV del cardo e' l'unico a esibire lo zero nella casella delle vittorie. L'Italia ritrova un monumentale Martin Castrogiovanni e gioca un primo tempo aggressivo. I 3 punti firmati da Mirco Bergamasco, a segno al 10' dalla piazzola, non rendono merito alla prestazione degli azzurri. Il XV di Brunel e' in pressing costante e Bergamasco al 22' ha la chance di segnare ancora: mira sbagliata, si resta sul 3-0. La Scozia soffre ed e' costretta ad arroccarsi nei propri 22 metri per lunghi tratti dell'incontro. Al 35', pero', gli ospiti sfruttano il piazzato affidato a Laidlaw: 3-3. L'Italia riprende a spingere e guadagna la superiorita' numerica per il cartellino giallo sventolato a De Luca, numero 13 dei blu. Gli azzurri avrebbero la possibilita' di rimettere la testa avanti al 39', ma Bergamasco non centra i pali. Si va al riposo sul 3-3, ma l'equilibrio e' destinato a saltare in avvio di ripresa. L'Italia sfonda subito con la percussione di Venditti, che al 43' vola a schiacciare l'ovale per la prima meta della giornata: Burton fa il proprio dovere e trasforma, 10-3. La reazione scozzese c'e', anche se al 55' spunta un altro cartellino giallo e gli ospiti si ritrovano di nuovo in 14. Al 60' Laidlaw capitalizza dalla piazzola: 10-6 e match aperto. L'incontro diventa apertissimo al 65', perche' a rimanere in 14 e' l'Italia: fuori Zanni. Gli errori abbondano, l'imprecisione diventa protagonista. La Scozia aumenta la pressione e si riversa in avanti, a caccia della meta che ribalterebbe il punteggio. Energia e lucidita', pero', sono merce rara. Gli azzurri non hanno la forza per piazzare il colpo del k.o. ma riescono a portare l'ovale nella meta' campo avversaria negli ultimi 5 minuti. Il drop di Burton, al 77', scolpisce il 13-6 finale: vittoria blindata, cucchiaio di legno alla Scozia.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©