Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mesto si infortuna e De Laurentiis non aspetta gennaio

Réveillère, lo svincolato che può giocare subito

Il francese era già stato allenato da Benitez al Valencia

Réveillère, lo svincolato che può giocare subito
09/11/2013, 11:21

De Laurentiis, a differenza di Moratti, accontenta Benitez. Lo aveva detto pochi giorni fa lo stesso Benitez. DeLa non smentisce il suo tecnico e, non appena uno dei suoi subisce un infortunio, prontamente si lancia sul mercato per non lasciare in difficoltà il suo condottiero. Sabato notte, non appena si era intuita l'entità dell'infortunio di Mesto, il patron azzurro ha convocato i collaboratori dello staff tecnico cominciando a chiedere "Possibile che non ci sia una lista di giocatori liberi da prendere un difensore prima di gennaio? Perchè non vediamo se c'è qualcuno che possa fare al caso nostro?". Out Zuniga, Britos e Mesto, il presidente ha attivato subito la ricerca della lista di svincolati in Italia e all'estero.

Domenica già c'era il quadro dei calciatori svincolati. Nonostante fosse fermo da maggio scorso, e nonostante i 34 anni, Réveillère era uno che Benitez conosceva bene, avendolo allenato al Valencia da gennaio a giugno del 2003. Ecco come è andata secondo il Corriere dello Sport: "Mister che ne pensa?, "Rafa che dici, sarebbe il caso di...?" Interpellato, Benitez non ha risposto nè sì, nè no, ma ha chiamato subito il giocatore. Voleva sincerarsi delle sue condizioni fisiche. Réveillère infatti si era rotto il legamento del crociato a novembre del 2008, ma aveva giocato fino a maggio scorso senza sottoporsi ad intervento chirurgico. Un caso strano, reso possibile dalla buona struttura muscolare del difensore. "Sì, mister, nessun problema. Mi sto anche allenando. Se avete bisogno, ci accordiamo sull'ingaggio ed arrivo", la risposta del terzino. E dopo l'ok di Benitez la trattativa lampo. Arrivato a Castelvolturno, il francese si è subito messo agli ordini del suo preparatore atletico Paco de Miguel.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©