Sport / Vari

Commenta Stampa

Saces Napoli battuta ad Orvieto


Saces Napoli battuta ad Orvieto
24/02/2011, 13:02

CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO - SACES NAPOLI 63-36
(16-8, 33-19; 41-26)

CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Scopigno 14, Scoscia, Puliti 2, Capolicchio, Consoli, Tripalo 7, Yordanova 9, Laffi 9, Ratti 9, Pantani 6. All. Bondi.
SACES NAPOLI: Bove 9, Orazzo 6, Giordano, Scibelli 5, Gallo, Bocchetti 8, Gemini 0, Correra 1, Fedele 2, Pavel 5. All. Belfiore.
ARBITRI: Posti e Ciocodicola.

NOTE: Orvieto: t2 23/46; t3 3/10; tl 8/10. Napoli: t2 9/31; t3 4/18; tl 6/10. Rimbalzi: Orvieto 42, Napoli 30. Uscite per cinque falli: nessuna.

Orvieto, 23 febbraio 2011 – La Saces Napoli dopo due vittorie consecutive trova un brusco stop sul difficile campo di Orvieto, compagine contro la quale quest’anno le partenopee hanno sempre avuto vita difficile. Primo quarto con Napoli che sparacchia troppo e male dalla distanza e con le umbre che invece trovano punti dal pitturato, scavando il primo solco e chiudendo alla prima sirena sul 16-8. Nel secondo quarto la Saces si sblocca un po’ in attacco ma concede troppi extrapossessi alle avversarie che guidate da una Tripalo in forma splendida allungano e portano il vantaggio in doppia cifra. A metà gara si arriva sul 33-19 per Orvieto, con Napoli che sembra un po’ fuori giri. Nel terzo quarto la Saces si registra in difesa ma l’attacco continua a non girare e mancano i punti della Giordano e della Scibelli. Si segna pochissimo ed a beneficiarne ovviamente sono le ragazze di coach Bondi che vedono il loro vantaggio praticamente inalterato (41-26 al 30’). Nell’ultimo quarto Napoli alza definitivamente bandiera bianca, con il distacco che diventa veramente pesante (bravissima la Scopigno, top-scorer del match) e punisce la Saces oltre i propri demeriti. Gli ultimi minuti sono di puro garbage-time, con Napoli che può già cominciare a pensare alla trasferta di sabato prossimo contro College Italia, squadra decisamente più abbordabile rispetto ad Orvieto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©