Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Ottomila napoletani arrivano all'Allianz Arena

Sale la febbre da Champions, la Baviera si tinge d'azzurro


Sale la febbre da Champions, la Baviera si tinge d'azzurro
02/11/2011, 10:11

MONACO DI BAVIERA - Saranno in ottomila. L'onda azzurra dilaga in Europa e si allunga fino in Baviera. Questa sera sugli spalti dell'avveniristico stadio dell'Allianz Arena ci sarà un settore ospiti gremito da tremila sostenitori azzurri in arrivo da Napoli con tutti i mezzi. Ma non solo. Altre cinquemila persone è stato calcolato che punteggeranno con bandiere, sciarpe e striscioni azzurri ogni angolo dell'impianto. Arriveranno un pò da tutta la Germania e con tutti i mezzi disponibili: aerei, automobili, pulmini, qualcuno anche in treno. Si tratta prevalentemente di emigrati dalla Campania, gente venuta anni fa in Germania in cerca di lavoro e di fortuna: gente che non ha mai disperso le proprie radici e che continua a seguire il Napoli con una passione irrefrenabile. Poi quando capita un'occasione come quella di questa sera non si può perdere, bisogna coglierla al volo ed essere presenti. Da Napoli decolleranno dalla pista di Capodichino tre voli charter. Moltissimi sono coloro i quali si sono già messi in viaggio in automobile. Molti lo hanno fatto alle prime ore di stamattina per sobbarcarsi un tour de force incredibile: arriveranno nel tardo pomeriggio, direttamente all'Allianz Arena, e ripartiranno subito dopo la partita. Ieri, già un centinaio di tifos,i ha accolto la squadra al suo arrivo all'aeroporto di Monaco. Un'accoglienza impressionante, con cori e slogan, esposizione di sciarpe e striscioni. Giocatori ed allenatore sono rimasti molto colpiti. In città ieri erano numerosi i capannelli di tifosi azzurri. Ma il grosso dell'armata raggiungerà oggi il capoluogo della Baviera. Tutto per coltivare un sogno. Poi, vada come vada, il ritorno a casa, in ogni caso con il Napoli nel cuore e con la decisiva sfida casalinga con il Manchester City nella mente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©