Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Santacroce: "I capi ultrà ci hanno aiutato"


Santacroce: 'I capi ultrà ci hanno aiutato'
17/02/2012, 12:02

L’ex difensore del Napoli:«Cerchiamo di avere buoni rapporti con la tifoseria, soprattutto organizzata, anche perché‚ questo ci consente di giocare con minore pressione». Così Fabiano Santacroce ha spiegato ai pm la sua amicizia con Francesco Fucci, il capo ultrà arrestato oggi. I dettagli dei suoi rapporti con i tifosi organizzati sono stati forniti dal difensore, persona informata dei fatti, il 28 dicembre 2010. «Circa i miei contatti con elementi facenti parte della tifoseria organizzata – spiega Santacroce – posso dire di conoscere un tale Francesco e un altro soprannominato il ”biondo”, in questo momento, per quanto ne so, detenuto a Monza. Non so precisamente di che curva siano, li ho conosciuti tramite Paolo Cannavaro in occasione di un allenamento a Castelvolturno. Quando mi sono stati presentati da Paolo, presumo che mi abbia detto anche il cognome di Francesco e del ”biondo”, penso fossero amici tra di loro. Non mi sono stati presentati come capi ultras ma come ultras. Successivamente li ho rivisti sempre al campo, avendo lasciato a Francesco il mio numero di telefono, gli ho regalato anche delle maglie». Il resto è la storia di una convocazione o di una visita di cortesia. Fucci è agli arresti domiciliari in via Carmignano per droga in una inchiesta di Genova, quando chiama Santacroce e lo invita a casa. Spiega Santacroce: «In una occasione sono anche andato a casa sua, avendomi chiesto delle magliette. Ricordo di essermi incontrato con due amici di Francesco all’uscita della tangenziale corso Malta, dove mi sono recato da solo con la mia auto Mercedes ML, e fui accompagnato sino all’abitazione di Francesco. Non ricordo cosa gli ho portato, mi pare un mio completo. L’autovettura me la fecero lasciare in una piazza vicino all’abitazione del Francesco. Non ho mai fatto una cosa simile con altri tifosi. L’ho fatto perché‚ mi sembrava una persona a posto, e sapevo che lui era agli arresti domiciliari, per avermelo detto lui stesso al telefono. Voglio precisare che mi ha chiamato ripetutamente, voglio dire tartassato per la questione delle magliette. Non sapevo che recarmi a casa di un soggetto agli arresti domiciliari potesse avere conseguenze penali». Rispondendo alle domande dei pm, il calciatore aggiunge: «Voglio precisare che questo Francesco l’ho conosciuto anche in occasione di un torneo in Piazza Mercato, dove andai perché‚ Paolo Cannavaro o Francesco Montervino me lo chiese, dicendomi che ad esso partecipavano anche dei tifosi ultras della squadra»
Fonte:Il Mattino

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©