Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Sbk: Vittorio Iannuzzo ad Imola per fare bene


Sbk: Vittorio Iannuzzo ad Imola per fare bene
23/09/2009, 17:09

Questo fine settimana ad Imola ritorna la Sbk, il campionato più spettacolare ed avvincente del 2009 per quanto riguarda la velocità. Oltre alla lotta per il titolo tra Spies ed Haga, a calamitare l’attenzione degli appassionati, e a dare un contributo in più allo show, è la sfida per le ultime posizioni utili per l’assegnazione di punti mondiali. In un campionato dove sono impegnate sette case costruttrici, anche un solo punto è per un team privato oro che cola. Chi nelle ultime prove ha fatto l’abbonamento alla quindicesima piazza è Vittorio Iannuzzo, della Squadra Corse Italia. L’irpino, dopo un inizio di stagione difficile, sembra aver trovato le misure alla sua Cbr: “Comincia – dice con tono ironico – a darmi fastidio questa cosa del quindicesimo posto. Scherzi a parte, sono soddisfatto per quanto raccolto nelle ultime trasferte. Al Nurburgring sono stato anche fortunato, perché nella prima manche, alla prima curva, un pilota mi ha urtato al posteriore, ed ho perso così il controllo della moto. Mi sono ritrovato tre piloti davanti, e purtroppo li ho centrati. Nella caduta ho riportato una contusione al braccio sinistro, ma ora sto bene. E’ stato solo un brutto episodio, senza gravi conseguenze”. Iannuzzo spiega dove una moto privata è diversa da una ufficiale: “Non è – dice – tanto nel motore o nella ciclistica, ma nella gestione dell’elettronica. La Honda che guido sotto questo aspetto è troppo indietro. Non è la quantità dei cavalli che ti fa andare forte, ma è la qualità di come sono erogati. Il mio lavoro di sviluppo è incentrato soprattutto sulla guidabilità del mezzo”. La freccia del sud fa due pronostici, uno sull’esito delle sue manche, l’altro su chi vincerà il titolo: “Non c’è due senza tre – dice – sarebbe bello aggiungere al carniere un altro punto. Sul confronto tra Ben e Nori, se la moto non lo lascerà a piedi e se nessuno lo falcerà, sono convinto che la spunterà il primo”.
 

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©