Sport / Vari

Commenta Stampa

Messaggi d'amore da parte di tutti per il tedesco

Schumi, le reazioni del mondo


Schumi, le reazioni del mondo
30/12/2013, 18:44

GRENOBLE - "Come milioni di persone in Germania, il Cancelliere ed i membri del governo tedesco sono stati totalmente scioccati dall'apprendere dell'incidente". Lo ha detto Steffen Seibert, portavoce del governo tedesco in una conferenza stampa, riferendo dunque tutta l'apprensione del primo ministro Angela Merkel sulle condizioni di Michael Schumacher, ricoverato da ieri in coma all'ospedale di Grenoble dopo una caduta sugli sci. Nonostante le condizioni siano state considerate dai medici "molto gravi", Seibert si augura che Schumacher "guarisca dall'infortunio" e che la sua famiglia abbia "la forza necessaria per superare questa prova". Nel frattempo da Grenoble, in una dichiarazione letta da Sabine Kelm, storica portavoce di Michael Schumacher, la famiglia del campione tedesco ha ringraziato i medici e tutti coloro che hanno dato il loro sostegno a Schumi: "Desideriamo ringraziare il team medico, che sta facendo tutto il possibile per aiutare Michael - è la nota della moglie Corinna e dei figli del sette volte campione del mondo di Formula 1 - Ringraziamo anche le persone nel mondo che hanno espresso la loro simpatia e inviato i loro migliori auguri per il recupero di Michael. Chiediamo ai media di rispettare la nostra privacy e quella dei nostri amici e li ringraziamo per il loro supporto".
Un gruppetto di tifosi di Michael Schumacher, provenienti da Francia, Italia e Germania, si è radunato POI nel pomeriggio sotto il Centro Ospedaliero Universitario di Grenoble. "Siamo qui - ha detto Salvatore, emigrato italiano - per mostrare la nostra vicinanza a chi ha saputo regalare grandi sogni ai tifosi della Ferrari e agli amanti della Formula 1". Numerose anche le testate giornalistiche presenti, provenienti da tutto il mondo, che stanno effettuando delle dirette con continui aggiornamenti sulle condizioni dell'ex pilota. 
Sul fatto si è espresso anche il presidente del Coni Giovanni Malagò: "Siamo tutti col fiato sospeso, è una notizia che ci lascia attoniti". "Sembrava che all'inizio non ci fosse pericolo, che non fosse così grave - continua ai microfoni di Sky Sport - Sta combattendo la partita più importante della sua vita, sappiamo che è un combattente e tutto il mondo dello sport aspetta buone notizie". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©