Sport / Calcio

Commenta Stampa

La Lega è fiduciosa per l'accordo, mercoledì nuovo incontro

Sciopero calciatori, concluso primo incontro Aic-Lega Calcio


Sciopero calciatori, concluso primo incontro Aic-Lega Calcio
13/09/2010, 22:09

Si è concluso questo pomeriggio il primo incontro tra l’Associazione Calciatori e la Lega Calcio dopo lo sciopero indetto dai calciatori previsto per la quinta giornata di Serie A. Nel corso della riunione si è discusso degli otto punti oggetto della protesta, fondamentali nella richiesta di rinnovo contrattuale dell’Associazione Calciatori. Al termine dell’incontro sembrano esserci poche possibilità di conciliazione sul tema dei fuori rosa e sui trasferimenti forzati. Ci sarebbe invece apertura da parte dei calciatori sul capitolo riguardante la flessibilità dei contratti. Pessimistico il commento dell’Avvocato Campana, presidente dell’Aic:” Possiamo discutere su sei degli otto punti, ma su due (fuori-rosa e trasferimenti forzati, ndr) saremo intransigenti. Per ora comunque lo sciopero resta”. Toni più positivi quelli provenienti dalla dichiarazione del presidente della Lega Calcio, Maurizio Beretta: "Io vedo il bicchiere mezzo pieno: su sei punti su otto si può discutere. Non so se oggi lo sciopero è più lontano, ma la riunione si è svolta in uno spirito costruttivo e ci sono le condizioni di partenza per una trattativa serrata che porti a un accordo”. La trattativa riprenderà mercoledì mattina, nella riunione si proverà a scrivere una bozza di accordo.

Questi gli otto punti oggetto della protesta:
1 CONTRATTO Per la Lega deve essere flessibile, con i soldi in gran parte legati ai risultati, l’Aic accetta la parte variabile solo per il 50per cento.

2 ESCLUSIVA Per la Lega il calciatore deve fare soltanto il calciatore, per l’Aic deve restare libero di decidere cosa fare fuori orario calcio.

3 COMPORTAMENTO La lega chiede codici ferrei di condotta ed etica anche fuori dal campo, l’Aic è per mantenere libertà assoluta nel tempo libero.

4 CURE Le società chiedono che dipendano esclusivamente da specialisti di fiducia del club, i giocatori vogliono restare liberi di scelta facendo pagare al club.

5 SANZIONI Automatiche per i club in caso di mancanze classiche, l’Aic vuole restino di volta in volta decise dal collegio arbitrale.

6 ARBITRI La lega vuole riformare il collegio arbitrale con un presidente esterno al calcio, l’Aic insiste per non toccarlo, con presidente sorteggiato tra quelli designati da Lega e Aic.

7 PREPARAZIONE Per la Lega il tecnico deve avere la possibilità di decidere di far allenare anche in più gruppi, l’Aic è per mantenere il gruppo unico.

8 RIFIUTI La Lega chiede che un giocatore non possa rifiutare il trasferimento ad un club di stessa qualità e con soldi garantiti. Se rifiuta, risoluzione del contratto ma pagamento del 50per cento dell’emolumento e libertà di firmare con chi vuole. Per l’Aic è reintroduzione del vincolo.
 
 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©

Correlati

15/09/2010, 11:09

Gma Pozzuoli, parla Gatti