Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Scopriamo Alberto Clair


Scopriamo Alberto Clair
14/05/2010, 15:05

La Calabria è una regione che anche se non ha molti impianti dove poter praticare il motociclismo, ha molti appassionati di moto. Tra questi c’è il ventiduenne Alberto Clair, di Noverato, in provincia di Catanzaro, pilota che prova a dire la sua nel Trofeo Motorsannio-Pirelli: “In famiglia – racconta il portacolori del Moto Club Ftn Racing – sono tutti motociclisti, e per me è stato naturale seguire le orme di mio padre. Ho iniziato a gareggiare a delle gare ufficiali nel 2008, nella disciplina della Supermoto. L’idea di una moto da cross adattata all’asfalto mi ha sempre affascinato, e quando ho visto che è anche divertente nella guida, ho deciso di iscrivermi al trofeo organizzato da Enzo Gnerre”. Clair sfida gli avversari con una Honda Cfr 450, moto che considera un’ottima base di partenza: “I primi tempi – spiega – non ero felice della scelta fatta, perché avevo problemi d’intesa con le sospensioni. Grazie al lavoro del tecnico Fabrizio Fiumanò, ho fatto pace con lei, e oggi la reputo la migliore moto. Quando hai trovato l’assetto ideale, non avrai occhi che per lei!”. Quest’anno la duplice scelta del Trofeo Motorsannio-Pirelli e del Trofeo Sud-Italia: “Credo – dice – siano le manifestazioni più valide per chi come me ha voglia di crescere e confrontarsi con piloti già affermati. Il livello è alto, ma c’è la possibilità per i piloti che hanno voglia di emergere di dire la propria. Nell’ultima prova del Motorsannio-Pirelli di Montalto Uffugo, sotto un diluvio che sapeva di universale, ho vinto entrambe le manche della categoria S4. Questo fine settimana saremo in Campania, sulla pista di Limatola. Visto che adoro i tracciati guidati, tortuosi, e non troppo veloci, sulla carta non parto favorito. Nella realtà, però, darò il massimo per conquistare uno dei gradini del podio. Vincere sarebbe bello, ma per me sarà sufficiente poter vivere in pista la mia passione. I risultati vengono dopo”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©