Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Scopriamo il Fucile Racing Team


Scopriamo il Fucile Racing Team
22/04/2009, 16:04

Negli anni settanta, nel cuore dell’Irpinia, il tecnico Gaetano Fucile realizza il sogno di creare un team  per permettere ai piloti della Campania di gareggiare nei campionati nazionali velocità, e avere un’adeguata assistenza. I primi tempi furono difficili per il Fucile Racing Team, ma nelle vene di Gaetano scorre sangue con cilindri e pistoni, e le difficoltà pian piano sono superate. Nell’86 alla direzione tecnica subentra il figlio Saverio, in quegli anni il pilota di punta era Gianluca Galasso, alla guida di una Suzuki Rg 500 Gamma. Con il trascorrere del tempo il regolamento ha escluso dalle competizioni nelle cilindrate alte le moto dotate di motori due tempi, e così con l’avvento dell’era dei quattro tempi, cresce la fama dei tecnici avellinesi nel rendere competitivi questi motori. Nel 2004 inizia l’avventura in pianta stabile nel Civ, ed i primi successi arrivano dai piloti Gino Salvatore e Lucio Cecere. Quest’anno gli impegni principali sono nella classe Superstock 1000 del Civ, e nel trofeo R1. La prima battaglia ha come alfiere Salvatore, la seconda Cecere, entrambi su moto Yamaha: “ Crediamo d’avere – dice Saverio Fucile – tutte le carte in regola per concludere nei primi cinque al Civ, e nei primi otto al Trofeo R1. I piloti sono bravi ed hanno alle spalle la giusta esperienza che torna utile sia nello sviluppo della moto, sia nella gestione della gara. Purtroppo Lucio è reduce da un brutto infortunio, ma una volta ripresosi, sarà di nuovo competitivo. La realtà dove operiamo è difficile perché mancano piste dove poter provare, e siamo così costretti a percorrere centinaia di chilometri per raggiungere un circuito. Noi però non ci scoraggiamo, ed anzi è diventato un nostro punto di forza. Siamo a contatto per più tempo, e questo ci ha permesso di diventare una grande famiglia, dove la pista è la nostra casa, e tutti ci divertiamo attorno al camino delle sue curve”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©