Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA MAZZARRI

"Scudetto? Dobbiamo ancora crescere"


'Scudetto? Dobbiamo ancora crescere'
19/09/2011, 00:09

Battere 3-1 i campioni d'Italia e essere contenti solo in parte: Walter Mazzarri sa bene che il suo Napoli ha centrato un grande risultato, ma sottolinea anche che per lottare per lo scudetto la sua squadra deve ancora crescere. "Siamo partiti troppo male - e' l'esordio del tecnico toscano ai microfoni di Sky Sport - dopo abbiamo fatto una buona gara, ma se entriamo in campo con le grandi come abbiamo fatto oggi non va bene. Bisogna crescere ancora per stare a certi livelli. Abbiamo fatto poco possesso palla, forse abbiamo un campo che non ci aiuta, ma non mi e' piaciuta molto la partita". E ha insistito: "Bisogna avere piu' personalita', bisogna migliorare. Forse non siamo abituati a giocare ogni tre giorni, ma stasera siamo partiti come a Manchester: li' ci e' andata bene, stasera abbiamo preso gol, anche se al primo tiro". Mazzarri spiega che "si valuta il risultato, mentre io valuto le prestazioni. So bene che oggi abbiamo fatto un grande risultato, che abbiamo fatto belle cose, ma per come voglio giocare io si deve fare meglio. Certo, si deve considerare anche la forza dell'avversario, ma in fase di possesso potevamo fare di piu'". Trascinato da Cavani, il Napoli ha un tridente che oltre a far gol si sacrifica tanto: Mazzarri si limita a osservare che "nel calcio moderno se non si corre e non si da' una mano. Giocando con tre attaccanti e due esterni che spingono bisogna sacrificarsi tutti. Noi comunque - dice ancora - siamo stati bravi a livello difensivo ma voglio vedere la mia squadra ancora piu' autoritaria, non sono completamente soddisfatto della prestazione". "Se siamo da scudetto? E' un ritornello che ripetete sempre, speriamo di sentirlo ancora nelle prossime domeniche, vorra' dire che duriamo". Scorrendo la classifica, il dato evidente e' il distacco del Napoli (+5) da tre big come Milan, Inter e Roma. "Anche l'anno scorso il Milan e' partito male e poi ha fatto quello che ha fatto - ricorda Mazzarri a Mediaset Premium - dobbiamo pensare a noi, dobbiamo fare la corsa su noi stessi e andare dritti per la nostra strada. Alla fine si tireranno le somme". Una domanda su Gargano, che appare rinato ("Non ho mai pensato di mandarlo via, e' sempre stato un titolarissimo ma pensava lui a un certo punto di andarsene perche' hanno tirato fuori cose brutte contro di lui, e' stato fischiato e ha avuto il pensiero di andar via. Poi ci ha ripensato e siamo contenti perche' e' un ragazzo eccezionale"), mentre glissa sul mani di Cannavaro. "Non me ne sono accorto, ne sento parlare ora per la prima volta. Ma io - conclude il tecnico del Napoli - non commento piu' gli arbitri".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©