Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE LA GAZZETTA

Senza goal del Matador, il Napoli arranca...


Senza goal del Matador, il Napoli arranca...
16/04/2012, 12:04

Occhio ai numeri del Napoli, raccontano verità inconfutabili. Quelli ultimi, evidenziano la mediocrità dei risultati e del rendimento della squadra. Nel giro di 40 giorni, c’è stata un’involuzione che Walter Mazzarri ha provato a nascondere, elogiando il rendimento della squadra, nonostante sia stato smentito dalla certezza delle statistiche. Il calo fisico dei giocatori è fin troppo evidente. Ed è quello dei talenti a preoccupare l’intero ambiente. Edy Cavani, per esempio, è l’ombra di sé stesso, il suo scadimento di forma è coinciso con la mancanza dei risultati. Non è un caso se le ultime tre sconfitte consecutive abbiano avuto un fattore comune: l’astinenza dell’attaccante uruguaiano. Senza le sue reti, il Napoli fa tanta fatica nella fase offensiva. L’ultimo gol realizzato risale al 25 marzo scorso, contro il Catania, 2-2 il risultato finale. Un pareggio che non gli andò giù e nel dopo partita lui stesso dichiarò che alla squadra era mancata la voglia di vincere.

Intoccabile Matador I numeri, dunque, sono dalla parte dell’attaccante che ha già segnato 19 delle 56 reti realizzate dal Napoli finora. Un dato che evidenzia quanto sia fondamentale il suo apporto: oltre a quelle che vanta in campionato, Cavani ha segnato pure 5 reti in Champions League e 4 in coppa Italia. Insomma, il suo valore è indiscutibile, ma il fisico non lo sta sorreggendo in questo periodo. Tant’è che Mazzarri l’avrebbe tenuto fuori, a Lecce, se ieri si fosse giocato. Unadecisione coraggiosa quella dell’allenatore, maturata sulla base dei risultati di alcune proiezioni studiati dal suo staff tecnico a proposito di presenze e minuti giocati: Cavani è risultato essere uno dei più presenti.

Pronto al rientro Lo stop al campionato servirà a lui ed al tecnico per approntare un piano di lavoro per questa settimana che dovrebbe permettergli di essere in campo, domenica, a Lecce. L’importanza di questo finale di campionato è talmente tanta che il Napoli non può permettersi il lusso di lasciare fuori un talento come Cavani. Sette giorni dovrebbero essere sufficienti per consentirgli di recuperare le energie necessarie per riprendere per mano la squadra e sostenerla in questa volata per il terzo posto. Untraguardo che potrebbe determinare il futuro di questo giocatore che l’Europa del calcio guarda con ammirazione. Senza la Champions League, potrebbe essere davvero dura trattenerlo.

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©