Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA MAZZARRI

"Serata storta, gli episodi non ci hanno aiutato"


'Serata storta, gli episodi non ci hanno aiutato'
23/09/2010, 00:09

Walter Mazzarri analizza la sconfitta del Napoli con il Chievo: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, lo è stata più del previsto perché a livello fisico eravamo sotto tono rispetto alla partita con la Samp. I giocatori del Chievo erano più freschi, più lucidi, ci hanno messo in difficoltà. Potevamo rimediare, gli episodi non ci hanno sorriso come in occasione dell’1-3. E poi ci si è messo pure l’arbitro, che con alcune decisioni non ci ha aiutato. Se fosse stato concesso il rigore su Lavezzi forse sarebbe finita 2-2, ci sono dubbi anche per un possibile rigore su Maggio e per un fallo di mano di Pellissier sul gol di Fernandes. Pazienza, non voglio accampare scuse ma certo non siamo stati favoriti”. Soprattutto nella ripresa gli azzurri sono apparsi in difficoltà: “Probabilmente abbiamo pagato caro un eccesso di generosità. Volevamo strafare, vincere a tutti i costi, contro un Chievo che ha sfruttato nel migliore dei modi l’effetto San Paolo. Si è gasato, ha acquisito fiducia nel corso della partita, e alla fine ha vinto con merito. Sono il primo ad essere dispiaciuto, ma ancora di più per non essere riuscito a dare continuità alla bella prestazione con la Sampdoria”. Col senno di poi, forse era il caso di fare turnover: “Non è facile giostrare gli uomini a disposizione perché sono tutte partite importanti, tutte gare con punti pesanti in palio. Sto centellinando l’impiego di tutti, soprattutto dei nuovi, altrimenti si rischia di pagare un eccesso di sfiducia. In questi momenti bisogna tenere duro, cercare di arrivare alla sosta con meno danni possibile. In questa fase non riesco neppure ad allenare con serenità, con una partita dopo l’altra è difficile. Chi gioca tre competizioni fa più fatica e può perdere punti, soprattutto in campionato. Solo le superpotenze, come l’Inter dell’anno scorso, possono affrontare con serenità tante partite”. Ora il Cesena alle 12.30 di domenica: “Venerdì e sabato ci alleneneremo a quell’ora. Per me giocare a mezzogiorno è sbagliato, ma se le regole sono queste dobbiamo accettarle”.
 fonte:Marte sport news

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©