Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE SPORTMEDIASET

Serie A, Chavez guida il gruppo dei desaparecidos


Serie A, Chavez guida il gruppo dei desaparecidos
26/12/2011, 17:12

Burrai, Felipe, Marchionni, Grandolfo, Okaka, Chavez e Sorensen: eccoli i desaparecidos della Serie A. Citare loro significa citare tutti quei giocatori che sono scomparsi dagli occhi del pubblico e delle telecamere. Non solo giovani, ma anche calciatori di esperienza che, durante queste 16 giornate fin qui disputate in campionato, si sono limitati ad allenarsi e a guardare i compagni giocare dalla panchina o dalla tribuna. Insomma tanti nomi utili, per ora, solo per gli almanacchi, ma che potrebbero presto essere protagonisti del mercato.
Togliendo gli infortunati e Amauri, messo fuori rosa dalla Juventus, la lista resta lunghissima. A guidare idealmente il gruppo ecco Cristian Gabriel Chavez, arrivato in estate al Napoli con l'onere di 'grande colpo'. De Laurentiis ha strappato l'attaccante, che non si sta facendo certo rimpiangere, al San Lorenzo. L'argentino ha giocato solo 12 minuti in campionato e ha pagato la poca esperienza. Almeno questa la spiegazione di Mazzarri al mancato utilizzo di Chavez: "E' un giovane molto bravo, ma non posso permettermi di lasciare in tribuna giocatori esperti come Santana e Mascara". Logico, dunque, che sotto il Vesuvio qualcuno è di troppo e proprio l'argentino, 24enne, potrebbe partire per fare esperienza e poi tornare 'maturo' agli ordini del tecnico livornese.
Sempre guardando all'attacco ci sono anche Toni e Okaka. Entrambi fanno fatica a trovare posto anche nelle liste dei convocati di Juventus e Roma. Zero presenze in campionato e un futuro lontano dal presente. Il bianconero è alla ricerca di una destinazione gradita, cosa non facile visto l'ingaggio del giocatore (2 milioni di euro annui). Discorso diverso per il giallorosso. La punta classe 1989, dopo esperienze al Fulham e al Bari, è tornato alla base, ma con Luis Enrique non è mai scoccata la scintilla. Una pecora nera a Roma visto i numerosi giocatori fatti ruotare dal tecnico spagnolo. Sull'altra sponda, quella laziale, invece sono numerosi i giocatori che non hanno lasciato il segno: Garrido, Stendardo, Cavanda, Zauri, Del Nero e Kozak.
Curiosa la storia di Burrai. Tornato in estate al Cagliari, dopo una buona stagione con il Foggia di Zeman in Lega Pro, il centrocampista non ha ancora messo piede in campo. Per il 24enne solo tre presenze (236 minuti) con la Primavera, cosa insolita data l'età, ed è già pronto un biglietto aereo per gennaio. Voci parlano di Avellino e un salto di due categorie in giù. Una carriera da montagne russe per Burrai: Cagliari, Manfredonia, Cagliari, Ternana, Cremonese, Foggia, Cagliari e... Dalla A alla C passando anche da qualche sporadica presenza nell'Under 21, nell'ormai lontano 2007.
Abbondanza anche nelle file del Chievo dove Uribe e Grandolfo non hanno ancora convinto Di Carlo. Giocatori che sul finire dello scorso campionato si erano messi in mostra e che non si sono confermati. Discorso identico per Paponi del Bologna. Lanciato da Malesani a suon di gol e fatto fuori dall'accoppiata Bisoli-Pioli.
Non difficile immaginare le richieste di questi giocatori a Babbo Natale: una nuova maglia e un posto da titolare, o almeno in panchina. Il mercato è pronto ad accontentarli.
FONTE: SPORTMEDIASET.IT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©