Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

FOCUS

Serie A, le pagelle delle squadre fino alla sosta


Serie A, le pagelle delle squadre fino alla sosta
27/03/2011, 12:03

Bari 4 - L'inizio di stagione era stato ottimo (vittoria con la Juve e pareggio meritato a Napoli), il resto è stato un fallimento totale. Ventura e Mutti si sono anche trovati una miriade di infortuni (su tutti Barreto) su un cammino onestamente deludente.

Bologna 7,5 - I problemi societari hanno pesato molto sull'inizio di campionato, ma la squadra c'è, Malesani ha dato un bel gioco ai felsinei con un Di Vaio straordinario che continua a stupire. 

Brescia 5 - Le premesse c'erano tutte, la rosa non è delle peggiori della serie A. Il cambio di allenatore non ha certo giovato, sono mancati molto i gol di Eder.

Cagliari 6,5 - Partenza stentata con Bisoli, l'inversione di tendenza c'è stata con Donadoni, mister anti-pareggio, neanche la partenza di Matri ha messo in discussione una salvezza tranquilla.

Catania 5,5 - La squadra fuori casa è molto debole, la colonia di argentini non ha certo aiutato sull'immediato, Simeone alterna buone prestazioni della squadra ad altre francamente da brividi. La salvezza comunque non è in discussione.

Cesena 6 - Invischiata nella lotta per non retrocedere, la squadra ha espresso a sprazzi un bel gioco. Molti dei suoi calciatori sono richiesti da altre squadre di A e straniere. Buono comunque il lavoro di Campedelli.

Chievo 6,5 - Pioli ha disegnato una squadra arcigna che spesso ha messo in difficoltà le grandi (6 punti su 6 contro il Napoli) e che dovrebbe salvarsi senza patemi.

Fiorentina 6 - Una squadra nè carne, nè pesce, la conferma di Mihajlovic non è così scontata. Pesa comunque l'assenza forzata di Jovetic.

Genoa 5,5 - La squadra era partita con ben altri proclami. Il ciclo di Gasperini si è interrotto a stagione in corso. La squadra gioca oggettivamente male.

Inter 7,5 - Il cambio di panchina ha giovato a lungo termine, squadra seconda in campionato e ancora in corsa in Champions senza Milito ma con un Eto'o da pallone d'oro.

Juventus 4,5 - Del Neri e Marotta dovevano essere gli uomini della svolta, potremmo definirli gli uomini del fallimento: acquisti sbagliati e un gioco di squadra che non c'è mai stato. Pesa l'assenza di Quagliarella ma non può essere un alibi.

Lazio 7,5 - Strano il calcio, Reja e Lotito non sono amati a Roma, ma la squadra c'è e la classifica lo conferma. Il derby resta un tabù, il finale di stagione può ancora riservare sorprese.

Lecce 5,5 - Spesso la squadra non ha demeritato, ma la gestione della difesa è da rivedere. Ottime le prestazioni contro le big del campionato.

Milan 8 - Inizio stentatissimo, la squadra si è risollevata anche se ha fallito miseramente l'obiettivo Champions. Senza Ibrahimovic il Milan perderebbe molto, a lungo andare si è sentita molto l'assenza di Inzaghi che avrebbe risolto molte partite. Robinho e Boateng piacevoli sorprese.

Napoli 9 - E' la formazione che dà di più l'idea di squadra. Campionato semplicemente straordinario, un Cavani incredibile e una difesa a volte bistrattata che è comunque la terza del campionato. La rosa non è da scudetto, ma l'impegno, la condizione fisica e l'ardore messi in campo sono di un'altra categoria.

Palermo 5 - Un po' come la Juve, tanti proclami e poi un pugno di mosche. Inizio di stagione ottimo con un gioco invidiabile (Pastore e Ilicic su tutti). Seconda parte di stagione da dimenticare.

Parma 6 - La rosa è sicuramente superiore ad altre squadre immischiate nella lotta per non retrocedere. Anche in questo caso buon inizio di stagione con una seconda parte stentata. La salvezza comunque non è un miraggio.

Roma 6 - La società sta per voltare pagina con l'acquisizione da parte degli americani che porteranno molto denaro, la stagione romana è stata comunque finora deludente vista la rosa della squadra. Eliminata dalla Champions senza lottare.

Sampdoria 4,5 - In questo caso il voto è più per la società, la stagione era iniziata con un'eliminazione dalle qualificazioni per la Champions a dir poco sfortunata; lo smantellamento dell'attacco con le partenze di Pazzini e Cassano ha fatto il resto.

Udinese 9 - Un punto nella prime cinque gare avrebbero fatto impazzire anche il più tranquillo dei presidenti, ma non Pozzo, che ha confermato Guidolin e lo ha fatto a ragion veduta. Soprattutto nella seconda fase del campionato gioco spettacolare (il migliore della Serie A) e una coppia lì davanti che mette i brividi a tutte le difese. I suoi giocatori saranno i più richiesti nel prossimo mercato.




 

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©