Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL POCHO

"Serve continuità per fare il grande salto"


'Serve continuità per fare il grande salto'
10/05/2010, 13:05

Ezequiel Lavezzi, intervistato da Radio Marte durante la presentazione del nuovo scooter con il marchio Napoli, è felice per la vittoria contro l'Atalanta, ma l'ammonizione che lo costringerà a saltare l'ultima di campionato non gli è piaciuta.
"Mi ha fatto molto arrabbiare il giallo preso ieri. E' stata un'ammonizione ingiusta. Mi sto giocando il mondiale, mi serviva giocare ancora."
Il bilancio della stagione è positivo.
"E' stata una stagione ottima non solo per me, ma per tutta la squadra. Io lavoro per far bene con la squadra, se poi faccio un gol o un assist quello è il mio lavoro."
Ieri avrebbe potuto segnare e battere il suo record di gol, ma prima si è fatto anticipare e poi ha subito un fallo in area non visto dall'arbitro.
"Ho corso per tutto il campo e poi ho finito la benzina proprio davanti alla porta. C'era un rigore su di me, ma un errore ci sta, sbagliamo tanto noi giocatori."
Il Pocho spera nella convocazione di Maradona.
"Per il mondiale so che sto lì, che posso giocarmela. Ho fatto le cose per bene in questa annata e sono molto tranquillo. Spero di esserci, se no mi farò una vacanza più lunga."
Le ambizioni del presidente piaccono molto all'argentino.
"Pazzini è un giocatore importante. Io spero sempre che arrivino giocatori che possano far bene a questa squadra. Quello che serve per fare il salto di qualità però è una regolarità che non abbiamo avuto durante l'anno, se no ora eravamo noi in champions. Abbiamo perso poche partite in questo campionato. Quando ti abitui a vincere aumenta la fiduacia."
Quello visto nelle ultime partite è un Lavezzi diverso.
"Sto lavorando per essere più freddo sotto porta. Sono riuscito a fare dei gol e la fiducia è aumentata sempre di più."
Lo stadio ieri era tutto esaurito.
"Vedere il San Paolo pieno è stato bellissimo. Dipende sempre da noi però riempire lo stadio e fare la gente contenta."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©