Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO STADIO HA FISCHIATO

Sfortunati e scippati? Non per il San Paolo...


Sfortunati e scippati? Non per il San Paolo...
01/02/2012, 23:02

Il fortino del Cesena ha retto. Ancora una volta il Napoli non è riuscito ad avere la meglio su un avversario più debole, sembrato alle corde per quasi tutta la durata dell’incontro.
I romagnoli, difesisi con ordine e attenzione, hanno praticamente rinunciato all’offesa, accontentandosi di badare a non prenderle. Gli azzurri, dal canto loro, ci hanno provato con insistenza, soprattutto nella ripresa, quando Hamsik e Vargas hanno provato a suonare la carica.
Tre parate di Antonioli su Pandev, il palo preso da Cavani, un grande salvataggio di Comotto sulla linea e, probabilmente, un braccio di Maggio hanno fatto il resto. Si, perché, seppur nel caotico finale, stavolta il Napoli aveva trovato la zampata vincente con Pandev, ma la terna arbitrale ha ravvisato un’irregolarità, stroncando l’urlo del San Paolo sul nascere. “Colpa” di Maggio, “reo” di aver, nel contrasto con un difensore avversario, toccato la sfera con l’arto superiore, proteso in avanti nello slancio. Un tocco la cui volontarietà è quantomeno dubbia, ma la cui importanza è stata effettivamente vitale (anche se in tanti sostengono che la palla sia finita sul petto dell'esterno, ndr).
Un episodio che farà molto discutere e del quale si daranno innumerevoli interpretazioni. Quel che resta, però, è il mezzo passo falso degli azzurri. Arrivato “per sfortuna”, “per colpa dell’arbitro”, come ha appena dichiarato Mazzarri.
Una solfa che assomiglia certamente alla realtà, ma di cui i tifosi cominciano a essere stufi. I fischi del San Paolo ne sono la prova…

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©