Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Si rinnova il tracciato Cavallaro di Scafati


Si rinnova il tracciato Cavallaro di Scafati
21/06/2011, 09:06

Il Circuito Cavallaro di Scafati festeggia gli undici anni d’attività, e lo fa con una nuova veste e nuove infrastrutture. L’impianto, sito alle porte di Salerno e voluto fortemente dalla famiglia Cavallaro, è stato, infatti, inaugurato nel giugno del 2000, e il tracciato all’epoca era lungo solo duecentocinquanta metri. Nel 2005 il primo restyling, che ha portato la lunghezza a quattrocento metri. Nel 2010 il titolare Giosuè Cavallaro, inizia una serie di consultazioni con gli esponenti locali della Fmi e della Lega Piste per aggiornare la pista e renderla un punto di riferimento sicuro per gli amanti delle minimoto, delle pit bike e dei kart. Così nel marzo di quest’anno sono iniziati i lavori di ampliamento e ammodernamento, che hanno portato l’estensione a seicento metri, e la presenza di due aree tecniche: “La mia famiglia – spiega Giosuè Cavallaro – ha sempre avuto una forte passione per i motori. Purtroppo nelle nostre zone mancavano posti dove potersi divertire in sicurezza. Decisi così di creare una piccola oasi dove i ragazzi della zona potessero dar sfogo ai propri pruriti, senza correre inutili rischi. L’entusiasmo di questi mi ha contagiato, e così quest’anno ho deciso di realizzare una pista dove chi possiede una minimoto, una pit bike o un kart, può mantenersi in allenamento e confrontarsi con gli altri. Il disegno del circuito è un continuo susseguirsi di curve, con un piccolo rettilineo. La larghezza della carreggiata è sempre al di sopra del minimo regolamentare, e le vie di fuga sono ampie. Ho preferito sacrificare dei metri di percorrenza, pur di avere gli spazi necessari ad evitare spiacevoli sorprese. Ci sono due aree tecniche dove è possibile apportare le modifiche ai propri mezzi. C’è anche un bar ed un ampio parcheggio. L’impianto è diventato una specie di seconda casa per tanti appassionati che da Salerno e Napoli accorrono per vivere insieme l’amore per le due e quattro ruote. Un aiuto fondamentale nello svolgimento delle attività quotidiane me lo danno mio nipote Himen Hichri e Carmine Di Somma, presidente del Moto Club Vado in Moto. Siamo aperti tutti i pomeriggi dei giorni feriali, e dal mattino fino a tarda sera in quelli festivi. Chi crede che le piccole ruote non siano in grado di regalare grandi emozioni, sbaglia. Provare per credere!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©