Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Sicurezza stradale: “La Strada della Vita” taglia il traguardo


Sicurezza stradale:  “La Strada della Vita” taglia il traguardo
02/06/2013, 21:43

Si è concluso venerdì 31 maggio  il progetto di sicurezza stradale rivolto alle scuole dell’infanzia, primarie e medie dell’Alto Tirreno Cosentino, progetto fortemente voluto dal “Moto club Praia a Mare” e dall’Associazione Sviluppo Imprenditoriale. La lezione conclusiva si è tenuta presso il Palaconad di Praia a Mare e ad ascoltare gli interventi dei formatori FMI erano presenti gli alunni della scuola media e gli alunni delle quinte classi della scuola elementare della cittadina tirrenica.

Molto interessanti e coinvolgenti gli interventi dei due formatori FMI Renato Loria e Antonio Mazzieri, che si sono concentrati sull’aspetto tecnico e pratico delle due ruote, concentrandosi in particolar modo sul punto di vista del pedone e su quello del motociclista. I due formatori hanno dimostrato ai ragazzi come proteggersi quando vanno su un motociclo, sia come passeggeri che come guidatori, hanno coinvolto alcuni studenti facendo loro indossare diverse tipologie di casco e rivolgendogli alcune domande. I due formatori hanno anche risposto ad alcune domande che i ragazzi, incuriositi dai loro discorsi, hanno voluto porre ai due esperti.

Non sono voluti mancare a quest’appuntamento Antonino Schisano, Consigliere Nazionale FMI, e Giancarlo De Franco, referente FMI Regione Calabria, accolti insieme a Loria e Mazzieri da Nuccio Iantorno e Nello Aiello, rispettivamente presidente e segretario del MC Praia a Mare.

L’impegno preso dal “Moto club Praia a Mare è quello di portare avanti negli anni a venire questo progetto, facendolo crescere e portandolo ad un livello superiore: dai prossimi anni, infatti, si pensa di far interagire maggiormente i ragazzi dando loro la possibilità di fare delle prove pratiche con dei simulatori e dei motocicli veri, ovviamente sempre sotto la supervisione dei formatori della Federazione Motociclistica Italiana.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©