Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Solidarietà e gioia a Salerno per la Befana per l'Aos


Solidarietà e gioia a Salerno per la Befana per l'Aos
12/01/2010, 12:01

Grande successo per la prima edizione della “Befana per l’Aos”, organizzata dal gruppo di centauri di Salerno in Moto. Questa manifestazione è nata per sensibilizzare i salernitani, e le istituzioni locali, a prendersi cura dei ragazzi che a causa del loro essere disabili, non possono condurre una vita normale. Circa duecento motociclisti provenienti da tutta la regione, si sono incontrati fuori la sede del centro Aos nel quartiere Petrosino, e dopo aver sfilato per le vie principali della città, sono ritornati alla base, per far visita ai ragazzi del centro. Grande soddisfazione si legge nelle parole del responsabile del simposio della seconda provincia campana, Antonio Ardoino: “Ringrazio – dice commosso – tutti quanti hanno contribuito al successo della manifestazione. Quando si tratta di esprimere la propria solidarietà, i motociclisti non si tirano mai indietro. L’Aos è un’associazione che si occupa in particolare del trasporto dei diversamente abili. Questi purtroppo non godono di nessuna convenzione in merito, e spesso sono costretti a rimanere nelle loro abitazioni, perché non hanno nessuno che possa aiutarli. Noi non abbiamo fatto altro che raccogliere una piccola cifra per sostenere le loro spese. Grazie alla presenza del gruppo “Le Motocicliste” capitanate da Gilda Circello, nutrita è stata la presenza di centaure. Presenti all’appuntamento anche i veicoli storici del “Vespa Club” di Salerno”. I ragazzi di Salerno in Moto non si fermano qui, e continua la loro opera di scoperta e valorizzazione del territorio campano attraverso le due ruote: “L’anno prossimo – svela Ardoino – faremo sicuramente la seconda edizione della Befana per l’Aos. Già dal prossimo fine settimana, tempo permettendo, riprenderemo con le nostre uscite volte a riscoprire i percorsi artistico-paesaggistici della Campania. Chi ha voglia di aggregarsi, può farlo contattandoci sul sito www.salernoinmoto.forumfree.it”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©