Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA CALAIO'

"Speriamo di vederci al S. Paolo l'anno prossimo"


'Speriamo di vederci al S. Paolo l'anno prossimo'
28/03/2011, 14:03

A Radio Crc è intervenuto Emanuele Calaiò, attaccante del Siena:
“Sono contento di giocare a Siena, stiamo raggiungendo pian piano l’obiettivo della Serie A, speriamo di rivederci al San Paolo il prossimo anno. La bravura di Cavani non si mette in discussione e non credo che De Laurentiis voglia privarsi di un calciatore del genere. La forza del Napoli è proprio il tridente d’attacco formato da Hamsik, Lavezzi e Cavani, e sulle grandi offerte fatte a Lavezzi e Hamsik il Presidente non ha mai ceduto, credo che desista anche su quelle fatte dal Manchester City a Cavani. I tifosi del Napoli meritano che la squadra azzurra lotti per lo scudetto. Arrivati a questo punto il Napoli non può più nascondersi, deve lottare fino alla fine, vincere con la Lazio per creare ancora più entusiasmo. Ovviamente domenica tiferò Napoli e spero in un pareggio del derby di Milano. Quest’anno il campionato è abbastanza equilibrato, il Milan senza Ibrahimovic è metà squadra, l’Inter non è imbattibile e il Napoli è un gruppo in cui i giocatori si sacrificano e lottano per un obiettivo comune. Se il Napoli non avesse fatto quel mezzo passo falso col Brescia ora sarebbe addirittura secondo in classifica. Quando giocavo a Napoli, già allora c’era un gruppo compatto, ora nonostante ci siano molti sudamericani lo spogliatoio è comunque unito. Mazzarri è stato un allenatore fondamentale, ha saputo mettere in riga i calciatori che giocano tutti per la squadra e non per se stessi. Ho sempre pensato che sia più bello vincere un campionato in serie B, che giocare in serie A in una squadra che lotta per la salvezza. È sempre meglio vincere qualcosa perché vincere ti dà soddisfazione. Quest’anno spero di chiudere il campionato a 15, penso che il Siena se lo meriti perchè è un gruppo unito, tutti segnano, non c’è una prima donna in campo”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©