Sport / Vari

Commenta Stampa

L'atleta ischitano colpisce ancora

Sport: nuovo record di Gianni Sasso alla maratona di Chicago



Sport: nuovo record di Gianni Sasso alla maratona di Chicago
31/10/2009, 09:10


ISCHIA - Questa volta l’emozione è stata troppo forte e Gianni Sasso all’arrivo sul traguardo della maratona di Chicago non è riuscito a trattenere le lacrime avendo battuto nuovamente il record del mondo della categoria. Quattro ore e trentotto minuti, questo il tempo impiegato dallo speciale atleta italiano nel percorrere i quarantadue chilometri di una delle sette corse più importanti al mondo. Gianni - natio e residente sulla stupenda isola d’Ischia dove all’età di sedici anni perse la gamba sinistra a seguito di un drammatico incidente stradale - che senza una gamba e con il solo ausilio delle stampelle a quarant’anni suonati sta letteralmente strabiliando il mondo con le sue imprese sportive, già lo scorso anno riuscì a battere il record del mondo della categoria appartenente a un altro italiano, Fabrizio Macchi, raggiungendo il traguardo dopo cinque ore, cinque minuti e quarantaquattro secondi, migliorando, così, di quasi un’ora il precedente primato: incredibile! Poi nei giorni scorsi a Chicago, Gianni Sasso ha scritto un’altra incredibile pagina di storia sportiva italiana migliorando di circa mezz’ora il record conquistato lo scorso anno alla maratona newyorkese. La cosa che ha contribuito a commuoverlo fino alle lacrime, è stata sicuramente la caldissima accoglienza che gli ha riservato il popolo Statunitense che lo ha incitato senza sosta durante tutta la gara. Poi, all’arrivo al traguardo, ognuno ha voluto complimentarsi con lui stringendogli la mano a dandogli una pacca sulle spalle.

Prima di partire per gli Stati Uniti, ci disse che si sentiva in forma e si era detto ottimista circa una sua prestazione positiva ma aveva sottolineato, con sincera umiltà, che il suo obiettivo principale era quello di riuscire a giungere sino in fondo al traguardo – impresa già ardua questa - ma che comunque avrebbe tentato di migliorare di qualche minuto il suo precedente record mondiale. Ebbene, Gianni con la forza di volontà e la tenacia che da sempre lo contraddistinguono, non solo ha raggiunto il traguardo ma ha migliorato di ben mezz’ora il record del mondo: che impresa! Un’impresa che si va ad aggiungere alle tante che lo hanno visto protagonista negli ultimi anni e che probabilmente non sarà neppure l’ultima.

Non appena è giunto a Ischia gli abbiamo chiesto un’intervista. Nonostante non avesse ancora smaltito il fuso orario, lo abbiamo trovato già per le strade dell’isola d’Ischia ad allenarsi: da non credere! In dieci minuti lo abbiamo visto fare di tutto: correre, scattare, salire e scendere i gradini e, dulcis in fundo, abbiamo potuto ammirare gli esercizi ginnici in cui si esibisce ogni qualvolta si allena. Ci ha raccontato come è riuscito a battere il nuovo record nonostante le condizioni climatiche fossero letteralmente proibitive e ci ha confermato la straordinaria accoglienza avuta dagli spettatori di tutto il mondo che hanno assistito alla maratona.

Gianni, sportivo eccellente ed esemplare, oltre ad essere un maratoneta è anche un ottimo giocatore di calcio e di calcetto e col solo ausilio delle stampelle riesce a rendersi protagonista di giocate geniali riuscendo a realizzare cose che molti calciatori non riescono a fare neppure con due gambe, incredibile: corre, dribbla, crossa, tira al volo, stacca di testa, segna goal spettacolari e, udite, udite, riesce persino ad esibirsi in spettacolari rovesciate che lasciano col fiato sospeso e meravigliati gli spettatori che assistono alle sue partite. Da non credere.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©