Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

MAZZARRI NON CI STA

"Squalifica ingiusta, lotteremo fino alla fine"


'Squalifica ingiusta, lotteremo fino alla fine'
16/02/2012, 12:02

Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, è appena intervenuto in conferenza stampa, rilasciando alcune dichiarazioni:

“La conferma della squalifica? Sono deluso ed amareggiato, perché ci aspettavamo una riduzione. Ora vedremo quali saranno le motivazioni date e poi, se sarà possibile, faremo ricorso per provarci fino alla fine e farci giustizia”.
“La Fiorentina ha battuto Siena ed Udinese sul proprio campo, dove ha raccolto gran parte dei punti. Abbiamo un allenamento e mezzo per preparare questa gara, dunque, anche se io e Frustalupi studiamo mille soluzioni, poi il problema è avere il tempo di trasmetterle ai giocatori… Sarà una garà dura, dovremo essere cattivi al punto giusto per superare questo scoglio. I viola hanno un organico da squadra d’alta classifica, vincerà chi avrà più voglia”.
“Stiamo crescendo, anche se ogni tanto c’è qualche incidente di percorso, abbiamo tante attenuanti. Il Chelsea? Farò le scelte dopo aver visto la gara di Firenze, sappiano tutti che, contro gli inglesi, giocherà chi lo merita e che le indicazioni che trarrò da questa sfida potrebbero essere decisivi”.
“Turn-over necessario, anche per evitare possibili infortuni. Riposerà Aronica, che ha giocato tantissimo, mentre giocherà Campagnaro e vedremo se lo stop gli ha consentito di recuperare la forma migliore. Il resto? Lo vedrete… Ci sono ancora due allenamenti, valuterò le varie possibilità, anche perché a centrocampo abbiamo tre giocatori per due ruoli”.
Hamsik? Nell’economia del gioco non l’ho mai considerato un attaccante puro, anche perché difende ed attacca. Quando la palla è tra i piedi altrui, Marek dà sempre una grossa mano. Pandev, dunque, è più in concorrenza con gli altri due attaccanti (Cavani e Lavezzi, ndr). A volte, se si sacrifica come faceva a i tempi dell’Inter, potrebbe anche fare quel ruolo, ma può essere importante anche
Delio Rossi? Un vero allenatore: è serio, bravo sul campo, sa gestire il gruppo e dà un’identità tattica alle sue squadre, il suo è un calcio propositivo e rappresenta un valore aggiunto per la Fiorentina”.
“Il campionato italiano è il più difficile del mondo, le piccole sono migliorate tantissimo… Questo equilibrio sarà sempre più evidente, ma non guardiamo la classifica e cerchiamo di ottenere il massimo da ogni gara. Alla fine, tireremo le somme, senza dimenticarsi che saremo arrivati a competere su tre fronti fino alla fine, o quasi, della stagione”…
De Sanctis non sta bene, vedremo cosa fare… Potrebbe giocare Rosati, che è un bravo portiere, ma deciderò all’ultimo momento”.
“Non è facile per chi gioca meno, andare in campo contro chi ha avuto un’intera settimana per prepararsi a sfidarci, mentre chi gioca troppo può difettare di lucidità”…
“Grava? E’ affidabile ed esperto, dà ampie garanzie… Abbiamo ritrovato un difensore importante”.
“Le candidature di Lippi e Maradona alla panchina azzurra sono ingombranti? No, sono un motivo d’orgoglio per me, questo merito me lo voglio prendere… Grazie a me e al mio staff, oggi il Napoli è ambito da chiunque… Basti pensare a dove abbiamo preso il club e a dove è ora”…

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©