Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ENTUSIASMO

"Stagione esaltante, restare concentrati"


'Stagione esaltante, restare concentrati'
01/02/2011, 11:02

Mazzarri, durante la consueta conferenza stampa a Castel Volturno, ha toccato diversi argomenti. Questo è quanto sottolineato da PensieroAzzurro:

SUI COMPLIMENTI RICEVUTI E SUL CHIEVO
Mazzarri inizia la conferenza stampa, ringraziando tutti per i complimenti ricevuti dal Napoli negli ultimi tempi, ma senza abbassare la guardia: “La squadra è abituata, ormai, a ricevere elogi. Dobbiamo restare concentrati, però, perché il Chievo può metterci in difficoltà. Hanno Pellissier, su tutti, che è un ottimo giocatore e poi hanno dimostrato all’andata il proprio valore. Qui al San Paolo gli è andata bene, ora proveremo noi a fare altrettanto a Verona”.
SUL MERCATO
Il tecnico toscano, poi, viene chiamato a dare un giudizio sull’operato della dirigenza nella campagna acquisti di Gennaio: “Sono contento di quello che abbiamo fatto sul mercato:  Ruiz ha grandi prospettive e Mascara sarà molto utile nel turnover. Questa squadra è già una realtà e, ora, abbiamo ridotto il gap con le squadre più forti del campionato”.
SUL TURNOVER E SULLA FORMAZIONE ANTI-CHIEVO
Inevitabili le domande su chi scenderà in campo domani e sulla possibilità che il tecnico ricorra ad un ampio turnover: “Domenica ho lasciato a riposo solo tre giocatori, non è stata poi così ampia la turnazione. Con l’Inter avevamo speso tantissimo ed era logico che qualcuno rifiatasse con la Samp. I tre che ho lasciato fuori domenica, saranno titolari con il Chievo. Comunque, soprattutto sugli esterni, un po’ di rotazione è necessaria. Si tratta di un ruolo molto dispendioso in termini di energie e, considerando l’infortunio capitato a Vitale, ho tre possibilità per due ruoli. Maggio e Dossena non possono giocare tutte le partite e Zuniga ha dimostrato di poter giocare sia a destra che a sinistra. Valuterò, dunque, le loro condizioni fisiche e poi deciderò chi schierare”.
SU LAVEZZI
A tener banco, successivamente, è la questione del vice-Lavezzi. Il Pocho, infatti, a Verona non ci sarà perché squalificato. Mazzarri non ha ancora deciso: “Ho due o tre soluzioni per sostituire Lavezzi, ma deciderò con la squadra dopo gli allenamenti. Il Pocho è un giocatore che rompe gli equilibri, salta l’uomo e crea la superiorità numerica. Per noi è fondamentale: quando gli schemi di gioco non producono risultati, c’è lui che con la sua imprevedibilità a cambiar la gara. Comunque, voglio sottolineare che Lavezzi è mancato diverse volte e siamo riusciti comunque a far risultato. Anche senza campionissimi abbiamo fatto punti: questo è un grande segnale di crescita fornito dalla squadra, alla quale prima si imputava di non riuscire ad esprimersi senza Lavezzi”.
SULL’EVENTUALITA’ DI UN CALO
I giornalisti, infine, domandano a Mazzarri se, dopo la grande vittoria sulla Samp, teme un calo di tensione da parte dei suoi giocatori. Il tecnico livornese non mostra preoccupazioni in tal senso: “Non è stata una gara poi così diversa dalle altre. Il risultato fa pensare questo, ma anche con l’Inter e con la Fiorentina abbiamo giocato bene; la differenza è stata che con la Samp, alla prima circostanza, siamo riusciti a sbloccare la gara. Non c’è rischio, quindi, che questa vittoria ci faccia perdere contatto con la realtà. Per crescere dobbiamo migliorare in fase realizzativa, dovremo essere più cinici, proprio come fatto contro la Samp”.
IL TEMPO DEI BILANCI
A chi chiede, poi, di tracciare un bilancio della stagione, Mazzarri replica: “I bilanci si fanno alla fine ma, se il campionato fosse finito ora, il termine giusto per definirlo sarebbe: “esaltante”. Speriamo che si possa utilizzare questo termine alla fine dell’anno”…
Mazzarri va avanti con prudenza. Ma, al contempo, con grande consapevolezza dei mezzi di questo Napoli “esaltante”.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©