Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CINISMO BRITANNICO

STAMPA INGLESE: Villas Boas, vedi Napoli e poi...


STAMPA INGLESE: Villas Boas, vedi Napoli e poi...
20/02/2012, 11:02

Qualcuno — il Mirror — scherza con il cognome per dire che andrà via: André Villas GOas. Altri rispolverano persino Goethe: vedi Napoli e poi muori. Il Daily Mail gli consiglia di raccomandarsi al buon Dio: «È ora di cominciare a pregare, André». Lo stesso giornale ha contato quante volte si sia accosciato durante la partita di Coppa d’Inghilterra con il Birmingham: ben 27. Non avrà la panchina salda, ma le ginocchia sono di ferro. Villas Boas fa gli scongiuri e guarda avanti, ribadendo di avere il sostegno di Abramovich, nonostante il peggior Chelsea degli ultimi 8 anni. Sui giornali circolano però ipotesi diverse e la gara col Napoli potrebbe segnare il suo destino. Impietoso, il Sunday Times pubblica i numeri di Villas Boas, paragonandoli a quelli dei sei predecessori dell’era-Abramovich: il portoghese ha la peggiore media vittorie (48,64%). Ha scalzato Scolari (55,56%). Il primo? Guus Hiddink (72,62), fino a qualche giorno fa considerato un potenziale successore del portoghese, ma il denaro dell’Anzhi ha sedotto l’olandese.
Capello - Il Chelsea sbarca a Napoli come una belva ferita. In Premier è fuori (per differenza reti) dalla zona Champions. In Coppa d’Inghilterra, è costretto al replay con il Birmingham, squadra di B. La Champions, unico territorio ancora libero, è lo spartiacque della stagione di Villas Boas. Abramovich negli ultimi tempi si è visto spesso e volentieri agli allenamenti del Chelsea. La squadra, visto il rendimento, non è però sembrata scossa più di tanto. Con alcuni giocatori (Torres, Luiz, Mikel, Malouda) serve altro, mala minestra è questa e la soluzione più facile resta quella di esonerare l’allenatore. Nelle ultime ore, perso Hiddink e giudicato un azzardo Di Matteo, ha guadagnato consensi la candidatura di Fabio Capello. Sarebbe un colpo di scena clamoroso, dopo l’addio alla nazionale inglese, ma gli ottimi rapporti con Terry e Cole hanno sparigliato la situazione. A Napoli, per non affondare, Villas Boas si affiderà alla vecchia guardia: Terry, Lampard e Drogba. Sono coetanei di Villas Boas e, forse, più esperti di lui.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©