Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Sterile paragonare la Sbk alla Motogp


Sterile paragonare la Sbk alla Motogp
13/07/2010, 17:07

Dopo essersi conclusi i test di Valentino Rossi a Brno in sella alla Yamaha R1 utilizzata da Cal Crutchlow nei giorni di gara precedenti, parte della stampa nazionale ha sottolineato non solo l’ottimo crono registrato dal tavulliese, 1.59.1, ma addirittura ha lanciato un messaggio non tanto velato di manifesta superiorità del numero 46 sia sul leader in classifica, sia sugli altri piloti che gareggiano nel mondiale dedicato alle derivate di serie. Il messaggio di questi miei colleghi è questo: Rossi con una spalla malandata, con una tibia neo fratturata, avrebbe chiuso il conto tra la Motogp e la Sbk, a netto vantaggio della prima. Chi sostiene questa tesi, però, ignora, o finge di ignorare, che Rossi ha girato con gomme Pirelli evoluzione 2011, ed ha realizzato il tempo al penultimo giro con una copertura morbida. Chi conosce, poi, un minimo l’universo delle gare, sa bene che il lunedì successivo la gara, quando ci sono i test, i tempi sul giro calano sensibilmente grazie alle maggiori informazioni raccolte per il setting, ed alla pista meglio gommata. Tanto di cappello al tempo di Rossi, ma chi afferma che la partita è chiusa, a mio parere ha solo fame di scoop e polemica. Il paragone tra i tempi di Rossi e, ad esempio quelli di Biaggi e Crutchlow, pur essendo ripresi sulla stessa pista, non è proponibile. Il tempo di 1.59.291 dell’inglese è stato rilevato in configurazione da gara, e sia il pilota Yamaha, sia il romano, non solo hanno corso con gomme non evolute, ma in funzione della gara. Questi due non avevano l’obiettivo di essere in assoluto i più veloci sul giro secco, ma al contrario di arrivare per primi al traguardo. Per concludere, a mio avviso, dovrebbe concludersi quest’opera di paragoni inutili tra le due massime categorie mondiali della velocità. E’ come se si volesse paragonare le mele con le pere, il giorno con la notte. Articoli simili, poi, non fanno altro che infuocare una sterile polemica, come se esistessero appassionati di sera A e di serie B. Chi, come me, ama le moto, ama le gare, che si tratta di una gara del Civ, o del trofeo regionale di turno, se c’è spettacolo, si emoziona tanto e quanto davanti una gara della Motogp o della Sbk. Suggerisco a costoro, di interrogarsi, invece, sul perché in Motogp da due anni a questa parte, manchi lo spettacolo, invece di sparare contro la Sbk, che Biaggi o non Biaggi, fenomeni o semplici rider, affascina sempre per l’alto contenuto di adrenalina che le sue gare regalano. Quando in tv trasmettono le due gare del campionato organizzato dalla In front Motor Sport, è proprio il caso di esclamare: tutti in piedi sul divano!.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©