Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'INTERVISTA DI BOJAN

"Sto nel miglior club del mondo e voglio restarci"


'Sto nel miglior club del mondo e voglio restarci'
24/03/2011, 18:03

Bojan Krkic, gioiellino del Barcellona accostato di recente anche al Napoli, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni in una lunga intervista al quotidiano spagnolo “Sport”, ribadendo la sua volontà di restare dov’è anche nei prossimi anni.
Ecco quanto tradotto ed evidenziato da PensieroAzzurro.com:
SULLE CENTO PRESENZE TOTALIZZATE NELLA LIGA
“Si è importante, perché arrivare a questa cifra così giovane mi dà fiducia e conferma le aspettative che ci sono su di me. Voglio continuare a dimostrare che il mio livello è tale da meritare di restare in un grande club come il Barcellona, nelle cui fila spero di restare per molti anni”.
SUL MINUTAGGIO, DECISAMENTE INFERIORE A QUANTO FAREBEBRO PRESUPPORRE LE PRESENZE
“Ci sono stati momenti di ogni genere: quelli in cui ho avuto un discreto minutaggio e altri in cui non ho giocato molto. Però, questi quattro anni mi hanno insegnato molte cose della vita. Sono felice per come sono andate le cose”.
SUL SUO INSERIMENTO IN PRIMA SQUADRA
“Non so se arrivai pronto dalla Cantera. Arrivai quando il destino volle e dimostrai subito che avevo un potenziale importante, poi è andato tutto molto velocemente. Sono orgoglioso di essere riuscito a vivere i momenti belli e a sfruttare quelli brutti, grazie ai quali ho imparato ad apprezzare quelli belli”.
SUL SUO RAPPORTO CON GUARDIOLA
“Sarò sempre grato al Mister per tutto ciò che ha fatto per me. Nella vita non bisogna essere grati solo a chi ti fa del bene, ma anche a chi è duro con te per il tuo bene. Quando gioco, ovviamente, sono felice, mentre quando lo faccio meno, sono triste, ma sono orgoglioso di essere riuscito a superare con allegria anche i momenti difficili”.
SU QUESTA SUA STAGIONE
“Quest’anno è successo qualcosa, c’è stata una situazione strana. L’anno scorso giocai a livelli molto alti e allora alcune persone hanno cominciato a criticare il mio rendimento. Per la prima volta, si è dubitato di me. Ma, nonostante ciò, penso a fare solo ciò che mi si chiede: i gol e di aiutare la squadra a vincere. Non era positivo neanche che lo stadio accogliesse con un’ovazione ogni mia giocata”.
SUL SUO STATO PSICOLOGICO
“Il mio umore va di pari passo con il mio rendimento, ma ho sempre fiducia che le cose possano migliorare ed andare per il verso giusto. Io debole psicologicamente? Se lo fossi stato, non sarei arrivato dove sono. Io continuerò a lottare e a dare il massimo per dimostrare che merito un posto qui al Barcellona”.
SUL SUO FUTURO
“Essere al centro dei desideri di grandi club europei mi fa piacere, ma io gioco nel migliore club del mondo ed è qui che voglio restare. Voglio solo dimostrare di meritare di stare al Barcellona e lotterò ogni giorno perché questo avvenga. Farò vedere a tutti qual è il mio valore, farò vedere alla gente che ha dubbi che sono importante e che le mie qualità sono tali da meritarmi questa maglia. Poi, alla fine, si vedrà come andrà a finire”.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©