Sport / Basket

Commenta Stampa

Stop casalingo del Julie News Pontano Napoli


Stop casalingo del Julie News Pontano Napoli
11/04/2011, 14:04

JULIE NEWS PONTANO NA–RACALMUTO 68–88

JULIE NEWS Pontano Napoli: Serazzi 7, Davini 10, Notaro 6, Luongo 7, Tuorres ne, Orefice 4, Tammaro 16, Mele 17, Cervo 1, Maglione.
Coach Licursi

RACALMUTO. Marzo 10, Manto 2, Giusti 17, Ranieri 8, Pellegrino Yasakov 4, De Bartolo 1, Talenti 4, Sanicola 4, Pellegrino V. 15, Manzo 23.
Coach Anselmo.

ARBITRI: De Panfilis e Volpone di Pescara
PARZIALI: 27–24, 38–42, 50–57.
USCITI PER FALLI: Davini, Serazzi (JNPN).

Il sogno play off del Julie News Pontano Napoli s’infrange contro il Racalmuto che s’impone 68–88 al PalaBarbuto. Un +20 comunque pesante per i ragazzi di coach Licursi autori di una stagione, in ogni caso, molto positiva.
Prima frazione entusiasmante. Avvio con canestri da entrambe le parti (4–4). Poi s’apre il festival delle triple (7 complessive). Dopo seguono le doppie di Tammaro (4), Luongo (2), Manzo (2) e Pellegrino Y (2) ed i liberi di Davini (2/2) e Tammaro (2). Le difese funzionano discretamente (14 possessi non a bersaglio), ma il punteggio sale vertiginosamente. Tranne un iniziale +6 per i viaggianti (4–10 al 3°) l’equilibrio regna sovrano con i campani che al 9° toccano il +3 (25–22). Distanze inalterate al 10° (27–24).
Tanti falli (3 per i locali, 4 per i siculi con Giusti ed Orefice già a 3 individuali) e diverse sostituzioni in avvio di secondo periodo. Lo score si muove lentamente, ma il gioco da 3 di Mele vale il +6 al 13° (32–26). Gli agrigentini s’avvicinano pericolosamente con il poker di Talenti (32–30 al 15°). Dalla lunetta sono imprecisi (1/4), ma dal campo Manzo e Marzo sono implacabili: 34–39 al 18°. L’arbitro non fischia un fallo ai danni di Mele, ma poco dopo vede un antisportivo commesso da Davini: Manzo segna un solo personale. I compagni non sfruttano il seguente attacco. I padroni di casa sono in difficoltà in fase offensiva. A tenerli a galla ci prova Notaro (4 punti ed una super stoppata): 38–42 al 20°.
Soluzioni difensive diverse, ma tanta intensità da parte d’entrambi i quintetti: diversi recuperi (7) e falli (7 totali, con i partenopei in bonus di team al 25° ed anche con i primi problemi per i singoli). Tornano a contatto al 22° (43–44) sfruttando il tecnico comminato a Pellegrino Y. Dalla linea della carità (5/6) i biancorossi ampliano nuovamente (45–51 al 26°). Risultato bloccato per diversi attacchi prima del +8 firmato da Giusti al 28° che spinge all’immediato time out coach Licursi. Tammaro ha un sussulto, ma Giusti risponde con una tripla da 8m (47–57 al 29°). La bomba di Orefice serve a dare coraggio oltre a ridurre il gap (50–57 al 30°).
Pellegrino prova a stanare i contendenti (50–59) che risorgono puntando sulla difesa (2 recuperi), sul libero di Luongo e sulle triple di Mele e Serazzi (57–59 al 32°). L’immediato gioco da 4 di Manzo è un duro colpo (57–63) così come il 4° fallo di Orefice che abbandona temporaneamente il parquet. I napoletani non vogliono assolutamente alzare bandiera bianca, infilano due realizzazioni con Tammaro e Davini, ma concedono qualche spazio di troppo agli ospiti che li sfruttano colpendo con Giusti (2), Ranieri (3), Manzo (2) e Pellegrino (2): 61–72 al 36°. Nella sospensione la panchina biancocelesteblù prepara l’assalto finale. Alla ripresa distacco solo limato (64–74 al 37°) prima dell’antisportivo fischiato a Serazzi: Marzo fa 1/2, Ranieri segna (64–77) chiudendo di fatto il match. Sulla sirena il tabellone segna 68–88.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©