Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Sul circuito del Sele l'ultimo atto del Trofeo Sud Italia Motard


Sul circuito del Sele l'ultimo atto del Trofeo Sud Italia Motard
20/11/2009, 12:11

La pista del Sele di Battipaglia è stata l’arena dell’ultimo atto del Trofeo Sud Italia di Motard. Sul circuito salernitano lo spettacolo non è mancato, perché molti piloti avevano ancora da regolare i conti nelle rispettive classifiche. Nella classe S1 è Antonino Vallone del Moto Club Dream Team a dominare entrambe le manche, ma a laurearsi campione è il “marziano” Gennaro Lettini, del Moto Club Terlizzi. Buona la prova di “cavallo pazzo” Carlo Di Feo, iscritto al Moto Club Agropoli, per due volte sul secondo gradino del podio. Nella S2 è Raffale Pirra del Moto Club Dream Team a menare le danze, e per il siciliano portare a casa una doppietta sembra un gioco da ragazzi. Il titolo va alla “volpe del Sannio” Enzo Gnerre, che si riconferma, così, campione della specialità. Gnerre conclude la stagione con otto primi posti e quattro piazzamenti d’onore, a dimostrazione che a fare la differenza, anche se le primavere passano inesorabili, è sempre il talento. Nella categoria S3 Alessandro Manese del Moto Club Foggia, festeggia il titolo con una bella doppietta. Marco Casamento del Moto Club Dream Team fa sue le prove della S4, mentre la lotta per il titolo è vinta da Cristian Iarriccio del Moto Club Motorsannio. Il giovane pilota Antonio Guida del Moto Club Motorsannio, dimostra con due superlative manche, di meritare l’appellativo di campione 2009 della S5. Le prossime settimane saranno fondamentali per la pianificazione della stagione 2010. Il Motard, come tutte le discipline motoristiche, paga lo scotto della crisi di questi mesi, ed i comitati delle regioni meridionali della Fmi, sono al lavoro nella ricerca formule che permettano ai piloti di continuare ad avere un trofeo dove confrontare la propria passione ed il proprio talento, il tutto nel pieno rispetto delle regole sulla sicurezza, e ad un costo accessibile.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©