Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Superbike, Max Biaggi si ritira dalle corse


Superbike, Max Biaggi si ritira dalle corse
07/11/2012, 11:39

"E' un'alba molto diversa oggi per me. Niente sara' come prima. Forza comunque!". E' il tweet con il quale Max Biaggi, a poche ore dalla conferenza stampa in programma a Vallelunga, ha ufficialmente annunciato la decisione di ritirarsi dalle corse. Il 'Corsaro' si ritira a 41 anni dopo aver vinto il Mondiale Superbike.

"Ho scelto di smettere, e non ho smesso come hanno fatto altri per motivi fisici o perche' non avevano trovato una moto competitiva", spiega Biaggi. "Ho rinunciato a un contratto con l'Aprilia identico a quello di questo anno, stessa moto stessi soldi - ha rivelato - credo di aver tolto abbastanza tempo ai miei bimbi e alla mia compagna e credo sia giusto dedicarsi a loro perche' il tempo passa e non puoi fermarlo. Non sono come alcuni politici attaccati alla poltrona, e' giusto dare spazio ai giovani".

Biaggi e' nato a Roma il 26 giugno 1971. Il suo primo approccio con il motociclismo agonistico e' nel 1989. L'anno successivo vince il Campionato Italiano Sport Production. Nel 1991 inizia il suo legame con Aprilia, vincendo il titolo di Campione Europeo. Nello stesso anno fa il suo esordio nel Mondiale correndo il GP di Francia. Nel '92 vince la sua prima gara iridata in Sudafrica.

La sua consacrazione a livello mondiale arriva nel 1994, quando si aggiudica il primo titolo iridato nella "due-e-mezzo", ripetendosi per quattro anni consecutivi, l'ultimo lo vince dopo il passaggio in Honda. Sono 29 i Grand Prix in cui ha trionfato in 250cc. Nel 1998 il salto in 500, sempre con la Honda ed il secondo posto a fine stagione alle spalle di Doohan. L'anno dopo passa alla Yamaha, dove rimane fino al 2002, primo anno della MotoGP.

Il romano e' quarto nel '99, terzo nel 2000 e secondo nel 2001 e 2002. Sono gli anni delle mitiche lotte con Valentino Rossi che dividono l'Italia del motociclismo. Nel 2003 torna alla Honda per gli ultimi tre anni nella MotoGP raccogliendo due terzi ed un quarto posto, vincendo il totale 13 gare. Dopo un anno di sosta, nel 2007 e' la volta della Superbike. Corre con Suzuki e dopo con una Ducati privata.

Ritornato in sella ad una moto di Noale nel 2009, il Corsaro ha confermato il suo feeling con Aprilia diventando, l'anno successivo, infatti, e' il primo italiano a conquistare il Mondiale per derivate di serie, ripetendosi, poi, in quella che si e' appena conclusa sulla pista francese di Magny-Cours, con 16 successi. 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©