Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Taglialatela: "Punto debole del Napoli? La difesa"


Taglialatela: 'Punto debole del Napoli? La difesa'
24/05/2012, 15:05

A Radio Crc è intervenuto Pino Taglialatela, ex portiere del Napoli: “I numeri della difesa azzurra non sono stati all’altezza dell’attacco, soprattutto per il metodo di gioco di Mazzarri. Credo che il modo in cui si è difeso il Napoli sia frutto non solo della difesa, ma del lavoro della squadra, in generale. Il reparto arretrato va ringiovanito, va cercato un leader difensivo perché l’età avanza e quando si va avanti con gli anni, c’è bisogno di rinnovazione. Il Napoli deve dare continuità alla vittoria del campionato e far sì che la prossima stagione si punti ad un obiettivo di maggiore importanza. Il centrocampo è l’anima della squadra. L’anno scorso gli azzurri avevano un centrocampo più difensivo invece quest’anno, vuoi anche per la Champions League, in campionato il Napoli è andato in fasi alterne. Non farei a meno di Inler. A me piacciono giocatori come Gokhan che mettono ordine. Quest’anno lo svizzero ha avuto qualche problemino di inserimento ma è un giocatore che va sfruttato al massimo, giocando a tre a centrocampo. Mazzarri credo voglia dei top player per vincere. Quando si vince una volta a Napoli, vorresti vincere sempre. Credo che il tecnico livornese dirà a De Laurentiis che vorrà una squadra di altissimi livelli. Il salto di qualità lo si può fare solo con giocatori di altissimo livello. De Laurentiis vorrebbe un Napoli giovane, con 30 elementi a differenza di Mazzarri che vuole 20 calciatori di altissima qualità. Io mi schiero dalla parte di Mazzarri perché solo così si raggiungono grandi traguardi. La coppa Italia deve essere un punto di partenza e non si può tornare indietro avendo una rosa di tutti giovani. Il futuro del Napoli? Adesso c’è bisogno di un segnale da parte della società. Si capirà se il Napoli vuole entrare a fare parte di quei club importanti o se vuole restare nelle posizioni che occupa”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©