Sport / Vari

Commenta Stampa

TESTA CENTRA L'ARGENTO AL MONDIALE


TESTA CENTRA L'ARGENTO AL MONDIALE
08/09/2008, 16:09

È davvero una stagione da incorniciare per l’Offshore napoletano. Mai come quest’anno l’equipaggio Carpisa Yamamay di Diego Testa ha posto su di sé l’attenzione internazionale, dapprima lottando alla pari con i ben più esperti bolidi del mare arabo del Campionato Middle East Casse 3/6 litri, poi confermandosi, a suon di vittorie, in coppia col fratello Ettore, ai vertici dell’ennesimo Campionato Italiano Classe3/2 litri, categoria che, nel frattempo, ha regalato al pilota del Circolo Canottieri in coppia con Giovanni Di Meglio, persinoi il titolo europeo ed ora anche il terzo argento mondiale consecutivo.

«E poteva essere oro, ma dopo aver vinto la prima manche, l’inclemenza del mare di Guernsey ci ha costretti a condurre un’ultima prova sulla difensiva - commenta proprio Diego di rientro in queste ore dall’Inghilterra -. Il nostro 4° posto, comunque, sarebbe anche bastato per l’alloro, se i padroni di casa Smith-Philipson, secondi in gara-1, non avessero strappato proprio all’ultimo giro, la piazza d’onore. Solo una manciata di punti ci ha separati dalla gioa più grande, ma questa è la legge dello sport e bisogna accettarla». Onore quindi ai vincitori, ma anche tanta soddisfazione per il prestigioso argento iridato e, soprattutto, la consapevolezza che lo scafo Carpisa Yamamay può davvero puntare a qualsiasi risultato. «Quattro titoli italiani in carriera, tre titoli di vicecampioni mondiali e, quest’anno, anche l’oro europeo non sono certo cosa da poco - prosegue Testa -. Mi ritengo già molto soddisfatto, ma non certo appaggato… La stagione infatti non è ancora finita: mancano ancora 3 tappe per l’assegnazione del Tricolore 2008 ed il Carpisa Yamamay è più che mai agguerrito e mai come in Inghilterra, contro i più grandi campioni stranieri della categoria, ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per puntare al massimo».

E allora, tutti pronti a rimboccarsi ancora le maniche per un finale di stagione dell’Offshore che promette ancora tanti “fuochi d’artificio”. Il Campionato Italiano riprenderà infatti tra una decina di giorni con il recupero della scorsa tappa di Caorle annullata per maltempo: dal 18 settembre, infatti, si gareggerà a Jesolo, mare in cui si svolgerà, dal 20 settembre, anche la penultima tappa tricolore che precederà poi il gran finale del 27 settembre a Como. E sarà lì che si assegnerà l’ambito titolo italiano 2008.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©