Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

ESCLUSIVA

Tevez, no al Milan. Vuole l'Inter


Tevez, no al Milan. Vuole l'Inter
25/11/2011, 16:11

C'è un uomo mercato che in questi giorni riempie le pagine della cronaca sportiva. E' Carlos Tevez, meglio conosciuto come Calitos, centravanti potenza e tecnica in forza al Manchester City e che ben presto potrebbe sbarcare in Italia. A Milano, per la precisione, lì dove ad attenderlo ci sono le braccia di un grande club del panorama internazionale. Il Milan? Niente affatto. Per l'"Apache" argentino c'è difatti un altro interesse milanese. A svelarlo in esclusiva per il lettori di Pensieroazzurro.com è stato Josè Alberti. L'esperto manager di calcio sudamericano è uno degli intermediari dell'affare che potrebbe portare l'argentino in Italia, e ha svelato tutti i retroscena del caso. "Per Tevez - ci spiega Alberti - c'è stata un'offerta ufficiale del Milan. Il City vuole venderlo subito, a gennaio. Ma il club rossonero ha un'altra idea. Prestito oneroso di 5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 25 milioni". Tevez, d'altronde, è spesso stato vicino all'Italia: "già circa tre anni fa lo proponemmo alla Juventus. Si poteva chiudere con un prestito con diritto di riscatto fissato a 10 milioni, ma i bianconeri rifiutarono perchè avevano già speso troppo per Felipe Melo dalla Fiorentina. Anche la Roma poi non concluse per Carlos, nello stesso anno". Ora, invece, un'offerta già formalizzata c'è, ma potrebbe non bastare. I motivi non sono economici, ma di altra natura. "Nessuno pensa ad alcuni aspetti - continua Alberti - che invece per Tevez sono importanti. Lui è un argentino "vero", di quelli sanguigni. Sà che l'offerta è ottima, ma anche che il Milan è una colonia di brasiliani, e lui non si sentirebbe a casa. D'altro canto Milano gli piace. Ecco perchè attende una proposta dall'altra sponda". E si arriva alla bomba di mercato: Tevez vuole l'Inter, "e io dico Inter - conclude Alberti - lì ci sono tanti argentini ed è il suo ambiente ideale".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©