Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ESODO

Tim Cup, cinquanta bus da Napoli per la finale


Tim Cup, cinquanta bus da Napoli per la finale
17/05/2012, 10:05

L'esodo di massa comincerà all'alba: autostrada del sole, trentamila cuori per una capanna, e sarà una domenica bestiale, tutti incolonnati per inseguire il «sogno», per regalarsi una favola. Alla Tevere c'è ancora (qualche) posto, spicchi di stadio Olimpico per una città attraversata da un virus collettivo che non ha precedenti e che quindi - statisticamente - nel suo piccolo fa pure la storia: e mentre la febbre contagia i ritardatari che ancora stanno riuscendo a raschiare il fondo della scorta (a disposizione poche centinaia di tribune, le più costose, quelle da 130 euro), Napoli s'industria, si scalda, scende (metaforicamente) in campo a Castelvolturno, con una delegazione di tifosi che va a dar sostegno alla squadra al termine dell'allenamento, le parla, le racconta le sensazioni ed anche le attese collettive e le chiede il miracolo, arricchendo la bacheca con quel trofeo che ha un peso specifico ed un valore non solo romantico, che induce a muoversi con allegria ed anche con euforia, che spinge ad una raccomandazione magari anche superflua e però sentita: «Ragazzi, crediamo in voi e grazie per quello che avete fatto; ma adesso regalateci la Coppa Italia con una splendida prestazione» . Accade in un pomeriggio d'un giorno speciale, con il sold out ormai prossimo e la conferma non solo presumibile ma reale che l'Olimpico avrà i trentamila sostenitori annunciati dal giorno della conquista della finale: una enormità, una massa uniforme, monocromatica, un'onda azzurra.

LA COLONNA - Domenica 20 maggio: d-day. Napoli si mette in marcia su Roma e invece chi resta avrà la possibilità di immergersi in quell'atmosfera simil-stadio che verrà creata a Rotonda Diaz, con l'installazione del maxischermo ed un'altra folla oceanica. Meno tre ed è già un fiume che scivola sull'A1: cinquanta pullman prenotati, e almeno altri venti che si ritengono in fase di allestimento, dall'intera regione; e poi la corsa al treno e, inevitabilmente, una teoria di auto che partirà presto, direzione Saxa Rubra, il centro di ritrovo prima di potersi spostare allo stadio Olimpico. E' Juventus-Napoli, è la finale di coppa Italia, è la partita dell'anno, l'Evento non solo del finale di stagione ma dell'era-De Laurentiis e dunque di questo Terzo Millennio: è l'opportunità concreta, per la prima volta, d'affermarsi, di gioire appieno, la ragione che ha spinto gli ultras sino a Castelvolturno per salutare la squadra ed incitarla. «Ragazzi, regalateci la Coppa Italia» .

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT
 

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©

Correlati