Sport / Vari

Commenta Stampa

TOMMASO BUSIELLO, GIOVANE PROMESSA DEL MOTOCICLISMO


TOMMASO BUSIELLO, GIOVANE PROMESSA DEL MOTOCICLISMO
26/01/2009, 16:01

Sono tanti i ragazzi che dagli spalti di una tribuna sognano di poter guidare un giorno una moto in pista ed essere i protagonisti in pista. Il napoletano Tommaso Busiello è uno di quelli che è riuscito a fare il grande salto da spettatore a rider. Come nelle favole tutto è nato per caso: dopo aver accompagnato il fratello Gianluigi ad una gara, s’innamora delle corse, e per gioco prova una moto. Da quel momento il gioco si è trasformato in un grande amore, e nel 2007 c’è il debutto agonistico: “Quell’anno – racconta – presi il via da privato nella classe 125 della Coppa Italia, alla Mototemporada, al Trofeo Inverno ed al Trofeo del Centauro. A fine stagione il bilancio fu di due vittorie, una pole position, e tanta esperienza”. Il 2008 è stato un anno importante per il pilota di Sant’Anastasia, paese alle falde del Vesuvio; il suo talento non è passato inosservato agli addetti ai lavori: “ Grazie all’impegno del team manager Gennaro Citarella - evidenzia – sono diventato pilota del team Gc Racing di Benevento, ed ho disputato la classe 600 stock della Coppa Italia, ed il Trofeo Yamaha R6 Cup. Nella Coppa Italia problemi di messa a punto della moto mi hanno rallentato in tutte le qualifiche. Questo mi ha penalizzato, perché quando parti dalla settima fila è difficile poi recuperare, ed il decimo posto finale tutto sommato non è male. Nella R6 Cup, invece, tutti partono con lo stesso materiale, e lì si che mi sono divertito! Alla prima gara sul mitico circuito del Mugello, ho fatto mie la pole e la vittoria. A Misano ho vinto con sei secondi vantaggio sull’inseguitore. Alla Supercampione, la gara dove partecipano i migliori quaranta piloti su centoventi, giungo secondo a soli dieci millesimi dal vincitore. Concludo quarto al Trofeo Yamaha, e decido di disputare il Trofeo Inverno sulla pista di Binetto. Le due vittorie raccolte non mi sono bastate per vincerlo, ma è stata un’esperienza fantastica!”. Questi risultati convincono il team Puccetti Racing Kawasaki a mettere a disposizione dell’asso napoletano una Ninja, da far volare quest’anno nella classe 600 stock del C.I.V.: “ Quando mi chiesero di provare – dice con un sorriso Tommaso – non stavo più nella pelle! Significava che il lavoro svolto era stato positivo, e che avevo un futuro come pilota. Prima di iniziare il campionato, il 9 febbraio saremo in Spagna per dei test sulla pista di Cartagena. Se ci saranno dei riscontri positivi, disputerò come wild card tre prove del campionato mondiale stock 600. Il discorso vittoria preferisco non affrontarlo perché correrò con l’obiettivo di fare esperienza, cercando di sfruttare al meglio le occasioni che si presenteranno”.    

 

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©