Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Tommaso Valentino fa visita al Circuito Internazionale del Volturno


Tommaso Valentino fa visita al Circuito Internazionale del Volturno
31/07/2012, 22:00

Il Circuito Internazionale del Volturno in questi giorni è diventato il centro d’interesse in Campania e nelle regioni limitrofe, dei centauri che amano vivere in sicurezza il brivido della velocità. C’è tanto fermento perché l’asfalto sannita è stato oggetto di profonde rivisitazioni, atte a rendere l’impianto tra i più sicuri e divertenti dove mettere alla prova le proprie abilità tecniche alla guida di una moto. Tra i piloti di livello che hanno avuto modo di provare le novità organizzate dal gruppo capitanate da Davide Montella, c’è Tommaso Valentino. Valentino oltre ad essere dotato di un gran manico, è anche un valido imprenditore: “ Sono – spiega il casertano – stato incuriosito dalla possibilità di avere a pochi passi la disponibilità di girare in un impianto moderno. Il richiamo è stato incontrollabile. Ho trovato un’ottima struttura, con una pista ben tenuta, simpatica, piacevole da girare, molto divertente e non eccessivamente pericolosa. Un tracciato con un ottimo rapporto qualità prezzo, adatta a tutti i tipi di moto. Sorprendente e degna di nota è sicuramente la grande umanità e accoglienza dei gestori, l’enorme carisma. La loro ospitalità comporta una immediata fidelizzazione del cliente, impossibile non tornarci”. Molti nel vederle Tommaso girare con una moto di cilindrata 1000 si sono chiesti se il suo è puro divertimento o ci potrebbe essere un futuro da trainer per i campioncini locali: “Come dicevo prima – specifica - il richiamo è stato fortissimo, anche a causa della mia assenza dalla pista degli ultimi anni, un’assenza trasformatasi quasi in astinenza. Inutile negare che ogni volta che ritorno in sella scatta in me la voglia di tornarci sul serio, non ho mai escluso infatti la possibilità di farlo. Tornare magari proprio con l’obiettivo di insegnare ai giovani il giusto approccio al mondo delle corse”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©