Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GLI ACQUISTI MANCATI

Toni,Maccarone,Guarente, D'Agostino


Toni,Maccarone,Guarente, D'Agostino
18/06/2010, 01:06

Travolti dalla girandola di emozioni che solo i Mondiali sanno trasmettere, (anche se al dire il vero, per ora abbiamo assistito solo a partite abbastanza prive di momenti di gioco esaltanti ), ci siamo quasi dimenticati che tra poco si ricomincia anche con i ritiri. Finito il torneo più importante al mondo, mancheranno pochi giorni alla ripresa della preparazione per tutte le squadre della massima serie. Anche per il Napoli manca meno di un mese alla ripresa e la società di De Laurentiis, non ha ancora attuato mosse per l'allestimento della nuova squadra. Tante sono state le trattative attribuite al Napoli fino a questo momento, ma nessuna è andata in porto e ci si inizia a chiedere quale sia la reale strategia societaria che certamente ha deciso prima di sfoltire l'ampia rosa, ma questa operazione si sta dimostrando alquanto lunga e complessa e rischia di far perdere importanti obiettivi di mercato. Alcuni elementi che potevano fare al caso del Napoli, infatti, ormai risultano accasati con altre maglie e le opportunità iniziano ad assottigliarsi. E' vero, rimangono ancora sul mercato giocatori che vanno per la maggiore, ma strappare Gilardino alla Fiorentina, solo per fare un esempio, appare difficile, soprattutto se sul piatto della bilancia non si deciderà di mettere una cifra in milioni davvero consistente. E poi, parliamoci chiaro, la personalità non è il punto forte di questo giocatore, il quale realizza un buon numero di reti all'anno, ma solo dove riesce ad ambientarsi, vedi l'esperienza al Milan finita senza squilli; anche in nazionale, Gilardino non sembra avere le doti per sobbarcarsi una intera nazione, perchè di questo si tratta, sulle spalle, quindi pensare che ci riesca a Napoli lascia qualche dubbio. Ritornando alla discussione che vogliamo qui trattare, quattro nomi di calciatori  attraggono la nostra attenzione, perchè l'anno prossimo vestiranno una nuova maglia, che non avrà come colore l'azzurro del Napoli: Toni, Maccarone, D'Agostino e a quanto pare anche Guarente. Tutti giocatori che se inseriti nell'organico azzurro, avrebbero potuto migliore la qualità della rosa dando maggiori possibilità di scelte a mister Mazzarri. Toni andrà al Genoa, è riuscito a risolvere il proprio contratto con il Bayern Monaco, quindi la società di Preziosi non dovrà pagare nulla per il suo cartellino, ma si limiterà a versare solamente l'ingaggio all'attaccante che sembrava davvero vicino al Napoli fino a qualche settimana fa, poi la frenata dovuta agli anni di contratto che De Laurentiis non ha voluto concedere. Peccato, perchè l'ariete ex nazionale avrebbe potuto garantire quel peso di cui necessita l'attacco del Napoli, apparso troppo spuntato nelle passate stagioni. Toni galvanizzato dalla spinta e dall'entusiasmo del S.Paolo, avrebbe garantito il giusto rinforzo, magari anche come primo elemento pronto a partire dalla panchina. Massimo Maccarone   negli anni trascorsi al Siena è molto maturato, mettendo a segno un buon numero di reti anche nell'ultima stagione . Dopo la retrocessione della squadra toscana, Massimo ha deciso di continuare l'esperienza in serie A, del resto ha dimostrato di meritarlo. Tante le squadre di media-alta classifica che hanno palesato interesse nei suoi confronti, ed il Napoli? A quanto pare non ci sono stati contatti con l'entourauge del calciatore che quindi pochi giorni fa si è accordato con il Palermo. L'attacco dei rosanero, adesso, è davvero di primo piano, perchè conta oltre  Miccoli, Cavani, Hernandez, Pastore e Pinilla ( nuovo acquisto ), anche Maccarone. Altra occasione persa quindi, per rinforzare il reparto attaccanti degli azzurri . Pensare ad un attacco composto da Toni, Quagliarella, Lavezzi e Maccarone con  l'aggiunta di Hamsik, non sarebbe stata cattiva cosa. Abbiamo per un attimo citato Pinilla, questo attaccante che in serie B al Grosseto, ha fatto così bene. Ci sembra giusto un accenno su di lui, perchè anche su giocatori del genere, che si mettono in mostra con tanta qualità nelle categorie inferiori ,il Napoli dovrebbe gettare uno sguardo. Passando al centrocampo,  ormai anche l'idea Guarente è del tutto tramontata. Ancora una volta, come succede da qualche anno a questa parte, Preziosi era piombato all'improvviso sul giocatore e l'accordo sembrava questione di dettagli, ma alla fine l'ha spuntata il Siviglia, squadra spagnola che a sorpresa ha bruciato la concorrenza. Per Guarente si era mosso prima di tutti il Napoli,  era trapelata la notizia di una trattativa andata a buon fine addirittura prima della fine del campionato. Invece  nulla di fatto ed un altro buon rinforzo, che forse sarebbe potuto partire anche dalla panchina, sfuma. Infine D' Agostino, centrocampista di regia , è il giocatore dalle caratteristiche che più mancano al Napoli da tempo memorabile. Inseguito l'anno scorso, è  stato ad un passo dal vestire la maglia azzurra, alla fine Pozzo decise di trattenerlo ad Udine.  Quest'anno non è rientrato nei piani societari, passando in comproprietà alla Fiorentina per una cifra non eccessiva, 4,5 milioni di euro. Perchè il Napoli non ha fatto un tentativo per prelevare un giocatore che avrebbe portato geometrie e ottima tecnica al centrocampo? Forse Mazzarri ha bisogno di centrali che conoscano le due fasi di gioco e siano molto aggressivi, come ad esempio Inler. Anche la trattativa per lo svizzero sembra bloccata, l' Udinese vuole una cifra considerevole per la sua cessione ed il Napoli aspetta. Speriamo di non veder svanire anche questo obiettivo di mercato, perchè a meno di un mese dall'inizio del ritiro c'è la necessità di dare un nuovo volto alla squadra che verrà.

Commenta Stampa
di Gianluca Cammarota
Riproduzione riservata ©