Sport / Calcio

Commenta Stampa

Il capitano pubblica un comunicato sul suo sito ufficiale

Totti tende la mano a Ranieri:"Abbiamo Dna romanista"


Totti tende la mano a Ranieri:'Abbiamo Dna romanista'
17/09/2010, 19:09

Tra Francesco Totti e Claudio Ranieri torna il sereno, almeno in sede pubblica. Dopo l’attacco sferrato dal capitano al suo allenatore in seguito alla sconfitta subita a Monaco contro il Bayern, Totti precisa il valore delle frasi pronunciate a caldo sulle pagine de suo sito ufficiale. Questo il comunicato del capitano giallorosso.

«Questo messaggio è indirizzato a tutti i tifosi della Roma, quelli veri che come me e il Mister amano la maglia giallorossa incondizionatamente. A questo punto, per evitare ulteriori interpretazioni devianti rispetto a quella che è la realtà, credo sia doverosa una precisazione relativamente a tutto ciò che è stato scritto, titolando o meno i giornali: ero con alcuni tifosi per delle foto lontano dalla zona riservata alla stampa e in quel momento ho semplicemente risposto ad un'affermazione sull'incontro in modo tipicamente romano, che come i romani sanno è espressivo e colorito.

Inoltre chi mi conosce sa bene che quando perdo le partite sono il primo ad essere dispiaciuto, prima come tifoso e poi come calciatore. Vorrei vedere la mia squadra giocare sempre a viso aperto contro tutti per onorare il nome e la grandezza di questa città che rappresentiamo.

Il dialogo di un calciatore con il proprio allenatore è quotidianità e ancora più se sei il capitano della squadra: questo sempre, indipendentemente dagli andamenti e dai risultati. E' una comunicazione giornaliera e costante. Ma con Ranieri si va anche al di là di un semplice confrontarsi, è un rapporto decisamente stretto e vero quello che si è creato: il nostro è un Dna di romani e romanisti, un filo conduttore che lega chi parla la stessa lingua, si capisce al volo e non ha bisogno di troppi preamboli.

Teniamo a questi colori, a questa maglia, ai nostri tifosi: siamo noi i primi sostenitori e come tali ci comportiamo».
 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©