Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Totti:"Non mi sento un peso per la Roma"


Totti:'Non mi sento un peso per la Roma'
06/10/2010, 11:10

Cio' che piu' sembra infastidire il numero dieci della Roma e sentirsi dire di voler comandare, di voler avere piu' voce in capitolo rispetto a quella che andrebbe concessa al capitano di una squadra, quasi a voler influenzare le scelte del tecnico e della societa'. "Sento dire che alla Roma comanda Totti. Ma comandare significa chiamare giocatori importanti per convincerli a giocare nella Roma e aumentare il tasso tecnico?, -si chiede Totti. Oppure comandare significa difendere un compagno in difficolta', come ho fatto con Doni? Oppure difendere i nostri tifosi? Questo significa comandare? No, mi sono solo comportato da capitano e probabilmente qualche volta sono dovuto intervenire per difendere la Roma perche' altri non lo hanno fatto forse per non esporsi perche' sono vittime di compromessi e sono gia' pron­ti a ricollocarsi in futuri assetti societa­ri", prosegue. Una frecciata giunge poi a chi ora lo considera un giocatore 'finito': "Ad agosto, quelle stesse persone per le quali oggi non posso giocare avevano chiesto a Pran­delli di riportarmi in Nazionale". La lettera si conclude pero' con un auspicio: "Sono sicuro che troveremo insieme, come abbiamo gia' fatto in passato, la soluzione migliore per uscire dalla crisi. Non mi permetterei mai -conclude il capitano- di pormi in una situazione di privilegio rispetto agli altri giocatori della Roma". (Fac/Col/Adnkronos)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©