Sport / Vari

Commenta Stampa

Triathlon. Nuova prestigiosa affermazione internazionale del Posillipo


Triathlon. Nuova prestigiosa affermazione internazionale del Posillipo
31/10/2012, 09:37

Alla 25° Assemblea dell’ International Triathlon Union, la federazione che gestisce lo sport del triathlon a livello internazionale, svoltasi ad Auckland lo scorso martedì 23 ottobre, l’atleta e dirigente rossoverde Neil Mac Leod è stato eletto nella Commissione Paratriathlon. Mac Leod classe 1983, avvocato del Foro napoletano specializzato in diritto del lavoro e diritto sportivo, ex canottiere e triatleta da 13 anni, da diversi anni si occupa dei profili dirigenziali dello sport in veste di consulente legale e marketing. Nel 2009 alle Hawaii al seguito della fortunata spedizione posillipina ai mondiali di triathlon distanza Ironman, vede in gara atleti disabili e ne rimane profondamente affascinato. Ritornato in Italia nel 2010 sottopone al Presidente Fitri Renato Bertrandi un progetto di sviluppo del paratriathlon in Italia che subito viene accolto con favore. A fine 2010 il paratriathlon viene incluso nel programma delle  Paralimpiadi di Rio 2016 e contestualmente incomincia a muovere i primi passi anche in Italia l’attività del settore paratriathlon sotto la guida a livello nazionale di Mac Leod. Nel 2011 arrivano le prime medaglie (un bronzo europeo) e la nomina di Mac Leod nella commissione paratriathlon della Federazione Europea (ETU). Nel 2012 l’attività subisce un ulteriore sviluppo grazie ai due ori e due bronzi vinti agli Europei in Israele ed alla elezione di Mac Leod nella Commissione ITU con il maggior numero di voti, nonostante la giovane età (il più giovane di tutto il Board) . “Il mandato internazionale ricevuto assume ancora più importanza per l’esordio della disciplina alle Paralimpiadi di Rio 2016 – afferma Neil Mac Leod – il nostro compito sarà di arrivare all’appuntamento con uno sport equo ed accessibile per tutti gli atleti e, soprattutto, spettacolare. Il mio ricordo particolare va a Diego Peduto, amico fraterno, compagno di allenamenti e grande dirigente. Collaborando con lui ho imparato tanto ed i suoi consigli sono stati fondamentali per prendere consapevolezza e coraggio nell’affrontare grandi sfide come questa. Ma il mio impegno non sarà solo nel paratriathlon: insieme a Marco Paino, Stefano Troise e Francesco Panarella è nel ricordo di Diego che la disciplina del triathlon al Circolo Posillipo continuerà ad essere promossa e praticata con ancora più passione e dedizione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©