Sport / Vari

Commenta Stampa

Trionfo degli atleti del Circolo del Remo e della Vela Italia ai campionati italiani di Ravenna


Trionfo degli atleti del Circolo del Remo e della Vela Italia ai campionati italiani di Ravenna
23/06/2011, 11:06

Napoli - 22 giugno 2011 - Nelle ultime due settimane il Circolo del Remo e della Vela Italia ha conquistato ben 4 titoli italiani nel canottaggio, ai Campionati che si sono svolta a Ravenna nelle specialità “singolo maschile” categoria ragazzi, “quattro di coppia” juniores, “due con” under 23 e “due con” assoluto.

Artefici di questi successi sono i fratelli Antonio e Giuseppe Vicino, i fratelli Leopoldo e Gennaro Sansone, Roberto Bianco, Jordan Volpe ed il piccolo timoniere Bartoz Pocheca.

Antonio Vicino, il più giovane dei vogatori, dopo aver conquistato il titolo di Campione Italiano nella specialità del singolo ragazzi, ha trovato posto come prodiere del quattro di coppia juniores che a Ravenna ha dominato su ben 26 equipaggi. Con lui Jordan Volpe, Gennaro Sansone (entrambi al loro terzo titolo italiano) e Giuseppe Vicino, fratello maggiore di Antonio che a soli 18 anni vanta un palmares che conta ben 12 titoli nazionali e due medaglie di bronzo ai Mondiali Juniores come capovoga dell' otto .

Giuseppe Vicino, il compagno di sempre Roberto Bianco ed il timoniere Bartoz Pocheca, solo due settimane prima, a Gavirate, si sono riconfermati Campioni d’Italia in due con under 23, specialità conquistata anche nel 2010 e resa celebre dalle gesta dei fratelli Abbagnale.

Bianco ha quindi lo stesso curriculum di Giuseppe Vicino, impreziosito però da un successo nella categoria assoluta, avendo vinto il titolo italiano del due con insieme con Leopoldo Sansone, leader della squadra con 13 titoli al suo attivo, tra i quali il singolo assoluto e due medaglie d’oro ai Campionati del Mondo Under 23.

Con questi ultimi successi salgono a 36 i Campionati Italiani conquistati dal Circolo del Remo e della Vela Italia negli ultimi 10 anni durante i quali la gestione tecnica è di Antonio Colamonici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©