Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA MAZZARRI

"Turnover fondamentale, parlerò con Cavani"


'Turnover fondamentale, parlerò con Cavani'
23/02/2011, 19:02

Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della conferenza stampa che precede il match di Europa League con il Villarreal.
Ecco quanto sottolineato da PensieroAzzurro.com
SUL CALENADARIO FITTO E SUL TURNOVER
“Non è certamente semplice giocare tutte queste partite in così pochi giorni. Col Catania abbiamo chiuso la gara stremati e domani manderò in campo i giocatori che mi danno le migliori garanzie dal punto di vista delle condizioni fisiche. Ma, se siamo arrivati sin qui, è perché tutti hanno dimostrato che stanno piuttosto bene. Far riposare Cavani? Dopo aver parlato con lui capirò cosa sarà conveniente fare”.
RISPONDENDO A CHI HA DEFINITO IL NAPOLI UNA SQUADRA “CONTROPIEDISTA”
"Noi contropiedisti? il calcio è bello perché ognuno dice la sua, ma noi, finora, abbiamo fatto il miglior calcio d’Italia. Non mi interessa cosa ne pensino gli altri, l’importante è che ne siamo certi io ed i miei giocatori”.
 SU LAVEZZI E RUIZ
“Lavezzi è uno dei pochi che ha riposato domenica e sta in forma, giocherà certamente. Ruiz l’ho visto bene, ha lavorato tanto e domani deciderò se sarà il caso di farlo esordire dall’inizio”
 SUL CALENDARIO CHE PORTA IN POCHI GIORNI AD AFFRONTARE VILLARREAL E MILAN
“Se si vogliono fare le coppe, bisogna ricorrere al turnover più spesso e tutti devono stare bene, oppure ci si ritrova ad avere la coperta troppo corta. La sorte ha voluto che affrontassimo il Milan pochi giorni dopo questa difficile trasferta europea, ma andremo avanti scegliendo quelli più in forma di volta in volta”.
SUI PRECEDENTI SFAVOREVOLI DELLE ITALIANE COL VILLARREAL
“Nessuna squadra italiana qui ha mai passato il turno? Le statistiche sono fatte per essere capovolte. Dirò ai miei giocatori di non farsi condizionare da un ambiente che si preannuncia sicuramente molto caldo e di restare concentrati. Nel nostro campionato, dopo tutto, non è diverso”.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©