Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il nodo

Tutto (o quasi) ruota intorno a Cavani


.

Tutto (o quasi) ruota intorno a Cavani
03/07/2013, 11:59

A prescindere dalla partenza di Cavani, il Napoli ha a disposizione un bel gruzzolo per dare a Rafa Benitez una rosa competitiva. Tra i soldi incassati per la cessione di Lavezzi e gli introiti dovuti alla qualificazione diretta alla prossima Champions League, il Napoli può investire sul mercato una discreta somma di denaro (in parte già utilizzata per l’ingaggio del portiere brasiliano Rafael e per l’esterno belga Martens). Ci sarebbero da coprire altri tre ruoli: servono un difensore centrale, un centrocampista centrale e un attaccante esterno.

La verità, però, è che esiste poco in quest’ultimo periodo a Napoli che si possa definire “a prescindere da Cavani”. Non prescinde da Cavani il progetto-scudetto; non prescindono da Cavani l’umore dei tifosi, le dichiarazioni d’amore e le reazioni spazientite; non può e non deve prescindere da Cavani il mercato azzurro.

Prima era il Real Madrid il favorito. Poi il Psg. Ad un certo punto il City che, senza Mancini in panchina, ha spinto meno per il Matador. È, quindi, toccato al Chelsea (del figliol prodigo Mou), unica squadra ad avvicinarsi alle richieste (giuste, come da clausola) di De Laurentiis, ma avvicinarsi non basta. Ora sembra nuovamente il turno del Psg, con Lavezzi uomo-chiave della vicenda per la sua amicizia con il Matador.

Detto questo, sono necessarie due considerazioni. Posto che, senza addentrarci nella questione, i calciatori (sia per i trasferimenti che per gli ingaggi) sono strapagati; davvero lo stesso calcio che ha pagato Javier Pastore 42 milioni di euro ed Andy Carroll 41 non arriva a pagarne 60 per Edinson Cavani? Ma soprattutto, prendendo Edi a quelle cifre l’affare chi lo fa?
L’affare, che lo si voglia ammettere o meno, lo fa il Napoli. Per avere le sue prestazioni, i suoi 104 gol, il Napoli nell’estate 2010 ha versato a Zamparini 17 milioni; dopo 3 anni si trova ad incassarne, eventualmente, quasi il quadruplo: con quei soldi si compra una punta (magari Jovetic), un ottimo difensore, un eccellente esterno, un signor centrocampista.

Che gli acquirenti si facciano avanti.

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©