Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Tutto pronto per il Furbinentreffen


Tutto pronto per il Furbinentreffen
23/02/2011, 11:02

Parte alla grande la stagione turistica in Campania. Il prossimo fine settimana, dal giorno 25 fino al 27, si terrà la dodicesima edizione del “Furbinentreffen”. Il raduno dei furbi, organizzato dal Moto Club Sorrento, è giunto alla dodicesima edizione, e presenta un programma molto interessante. Il tema principale è la riscoperta di uno degli alimenti tipici del mediterraneo: l’Olio d’Oliva. Come spesso capita nell’universo motociclistico, i migliori progetti nascono attorno ad un tavolo, quasi per gioco: “L’idea – spiega Luigi De Pasquale, il vice presidente del Mc Sorrento – è nata come risposta all’Elefantentreffen, tradizionale raduno invernale che si tiene in Germania. Una sera fui contattato, insieme ad un gruppo d’amici, da un centauro bolognese. Questi voleva organizzare un raduno nella penisola sorrentina in pieno inverno. Inizialmente lo prendemmo sotto gamba, ma l’idea iniziò a svilupparsi nelle nostre menti. Così pensammo: perché dirigere le ruote della propria moto quando fa freddo in Germania, quando si può venire in costiera e godere di paesaggi meravigliosi, con un clima che è quasi sempre mite? Come i tedeschi erano capaci di concentrare tanti motociclisti nel teutonico inverno bavarese, noi dovevamo esserlo nel far scoprire la divina costiera. E’ il raduno dei furbi, perché si preferisce godersi la moto ed il paesaggio senza essere morsi dal freddo”. Come accennato, l’evento sarà incentrato sul Rally dell’Olio: “Ci sarà – dice Tullio Esposito, presidente del Mc Sorrento – un percorso che porterà alla scoperta della locale zona di questo prezioso liquido, dei suoi secolari segreti e dei suoi sublimi e mediterranei aromi. L’edizione di quest’anno esibisce una ricca ghirlanda d’occasioni che intrecciano la moto, la storia, il paesaggio e la gastronomia. La perla di questa ghirlanda è l’Olio Extravergine d’Oliva”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©