Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Udinese-Napoli, la partita alla lavagna


Udinese-Napoli, la partita alla lavagna
18/03/2012, 00:03

In notturna al Friuli, Udinese e Napoli si giocano tre punti fondamentali per la rincorsa al terzo posto, ultimo piazzamento disponibile per disputare la champions league nella prossima stagione. Voglia di rivalsa da parte di entrambe le squadre che cercheranno la vittoria anche per far dimenticare ai propri tifosi l'amarezza per l'eliminazione dall'Europa.
Guidolin, alle prese con le molte assenze, Isla, Basta, Benatia e Badu, metterà i suoi in campo con un 3-5-2 con Di Natale - Fabbrini(oppure Floro Flores) coppia d'attacco. Squadra molto fisica, l'Udinese pratica un gioco simile a quello azzurro: aspettare l'avversario per poi ripartire con i suoi uomini più pericolosi, in questo caso Di Natale ed Armero (in dubbio, probabile giochi Pasquale).
Nel caso dovesse scendere in campo, la sfida sulla fascia tra i due colombiani, Armero - Zuniga, è di certo, insieme a quella Cavani-Di Natale, la più affascinante della partita. Contenere le avanzate offensive del bianconero vorrebbe dire diminuire di gran lunga la pericolosità della squadra di Guidolin. Dall'altra parte invece Dossena dovrebbe trovare più spazio contro Ferronetti, difensore adattato esterno di centrocampo che penserà più a coprire che ad offendere.
In mezzo al campo Dzemaili e l'ex Inler dovranno essere molto bravi nel non lasciare nelle mani di Fernandes, Pinzi ed Asamoah le chiavi del centrocampo. In fase passiva sarà quindi fondamentale il lavoro di Hamsik, i suoi ripiegamenti permetteranno ai due azzurri di non trovarsi in inferiorità numerica nella zona nevralgica del campo.
In avanti massima attenzione alla velocità e alla tecnica di Totò Di Natale
che nella scorsa stagione sconfisse praticamente da solo la squadra partenopea. Conquistare il centrocampo vorrebbe dire bloccare i rifornimenti per la punta bianconera che spesso ama indietreggiare per aprire varchi in favore dei suoi compagni.
Mazzarri, che non ha lasciato trapelare nulla in conferenza stampa, dovrebbe praticare un ampio turn over per far riposare molti giocatori in campo contro il Chelsea. Buone le possibilità di vedere in difesa Fernandez e Britos per Campagnaro e Cannavaro mentre sono addirittura non convocati Maggio e Lavezzi. Oltre, come già detto, gli uomini sulle corsie, il Napoli dovrà essere bravo nello sfruttare gli inserimenti di Hamsik e Dzemaili che potrebbero mettere in grandi difficoltà una difesa non molto veloce. Pandev, in campo al posto del Pocho, non ha la stesse esplosività dell'argentino ma con la sua tecnica e la sua voglia di tornare ad essere protagonista, ha tutto per fare la differenza in fase offensiva. 

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©