Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Quattro fra gli azzurri, tre fra i friulani

Udinese-Napoli, partita degli ex


Udinese-Napoli, partita degli ex
03/02/2010, 10:02

NAPOLI - La partita di Udine sarà, per le due squadre, anche un modo per incrociare vecchi amici e compagni di squadra. Udinese e Napoli annoverano, fra le proprie fila, numerosi ex.

EX FRIULANI - Fra gli azzurri sono 4 quelli che hanno militato in casacca bianconera, quasi tutti con un passato glorioso al "Friuli". Lo storico è Morgan De Sanctis, a Napoli da quest'anno dopo Sevilla e Galatasaray ma, soprattutto, dopo 194 presenze in otto stagioni ad Udine, dove esplose e si affermò definitivamente come vice-Buffon in Nazionale. Andrea Dossena, invece, di stagioni ad Udine ne ha trascorse solo due, valsegli, però, la chiamata del prestigioso Liverpool, dal quale il Napoli lo ha comprato quest'inverno. Il terzino sinistro ha lasciato un ottimo ricordo nei tifosi bianconeri. Michele Pazienza fu una scoperta di Marino. Nel 2003, l'ex ds del Napoli lo prelevò dal Foggia. Con l'Udinese 52 presenze in due anni, prima di passare alla Fiorentina. L'affare più recente fra Udinese e Napoli è, però, Fabio Quagliarella: prelevato quest'estate per 18 milioni di euro, dopo 25 gol in due stagioni, che gli sono valsi la chiamata di Lippi in azzurro.

EX NAPOLETANI - Tre ex napoletani all'Udinese. Emanuele Belardi forse lo ricorderanno in pochi, anche perchè a Napoli è passato per un solo anno, forse la stagione peggiore della storia degli azzurri: 2004/2005, serie C, la finale ad Avellino. Altri tempi. Maurizio Domizzi, difensore goleador (10 gol in due stagioni), nel Napoli ha trascorso due stagioni a buoni livelli: la scalata dalla B alla A ed il ritorno in massima serie, terminato con un'insperata qualificazione all'Intertoto. Antonio Floro Flores è una delle storie più tristi del settore giovanile partenopeo: pupillo di Zeman, Mondonico lo fece esordire in A a sedici anni; il ragazzo del Rione Traiano, però, non si è mai saputo affermare con la maglia azzurra, pagando eccessivamente la crisi societaria. A Udine ha trovato il suo ambiente ideale.

Commenta Stampa
di Davide Schiavon
Riproduzione riservata ©